Skip to content

Il Fumetto Italiano


http://www.fumetti.org/afnews/2003/03/cdp/images/CorriereDeiPiccoliBilbolbul.jpgPrimo Novecento: le origini

Il 27 dicembre 1908 (data in cui uscì il primo numero del Corriere dei Piccoli, supplemento domenicale illustrato del Corriere della Sera fondato da Silvio Spaventa Filippi) viene tradizionalmente considerata la data di nascita del fumetto italiano. Inizialmente sulle tavole dai colori vivaci non furono inseriti i balloon, ma strofette rimate e moraleggianti poste sotto le vignette. Questa forma rappresentativa rimase così per decenni. Motivo di tale scelta fu dovuta al fatto che i balloon costituivano un eccessivo vuoto grafico non gradito ad Antonio Rubino, illustratore e collaboratore fondamentale del Corrierino fino al 1959. Inoltre la cultura letteraria del tempo era ancora lontana dal concepire libri per l’infanzihttp://www.balnea.net/images/gallerie/2849_2.jpga finalizzati al puro intrattenimento. Il fumetto quindi era visto come puro strumento educativo, atto a contribuire alla formazione dei giovani ragazzi.

Ecco un elenco delle principali pubblicazioni dell’epoca:

http://comicsando.files.wordpress.com/2008/09/54.png?w=262&h=556

Dopo storie originali americane finalmente il negretto Bilbolbul appare come primo vero personaggio italiano, da un’invenzione del noto illustratore Attilio Mussino. Le storie, dal carattere surreale, erano ambientate in un’africa immaginaria e si basavano sulla rappresentazione dell’impossibile tramite un gioco di metafore.

Nel 1917 Sergio Tofano detto ‘Sto’ crea  Il Signor Bonaventura, personaggio clownesco e sfacciatamente fortunato.

Anni Venti: fumetto medium della propaganda nazionalista

A differenza degli Stati Uniti il fumetto in Italia è letto prevalentemente da http://www.fantascienza.com/catalogo/Cov/BB/BB578.jpgun pubblico infantile e quindi considerato mezzo espressivo per chi ancora non sa leggere o vuole semplicemente divertirsi.

Con l’avvento del fascismo il Corriere dei Piccoli divenne medium della propaganda nazionalista di regime. Nel febbraio del 1923 nelle edicole italiane compare Il Balilla, giornalino a fumetti propagandistico in forte concorrenza con il Corrierino, dal quale infatti prese ispirazione per la grafica, e che propose nuove storie incentrate sui primi eroi del fumetto italiano. Pochi mesi più tardi uscì un altro concorrente di forte ispirazione cattolica: Il Giornalino.http://kerub.ilcannocchiale.it/bloggerarchimg/kerub/il_giornalino2.jpg

Ecco un elenco delle principali pubblicazioni dell’epoca:

Nel 1928 prese vita sulle pagine del Corriere dei Piccoli Marmittone di Bruno Angoletta, tenero e goffo soldato semplice che tenta di sopravvivere al regime fascista.

Sempre sul Corriere dei Piccoli, nel 1929, arrivò il nevrotico Sor Pampurio di Carlo Bisi, borghese perennemente insoddisfatto e soggetto a continui scatti d’ira.

Anni Trenta: diffusione del fumetto americano

Il primo settimanale italiano a fumetti pubblicato fu Jumbo, apparso in edicola il 17 dicembre 1932, il quale pubblicava storie a puntate di produzione inglese e propose una convivenza tra la vecchia didascalia e il ballon.

Il 31 dicembre dello stesso anno, considerata la crescente notorietà dei personaggi disneyani, l’editore Nerbini pubblicò il primo numero di Topolino.
Il 14 ottobre 1934 sempre Nerbini pubblicò L’Avventuroso che ebbe molto successo per l’eliminazione delle didascalie a favore dei ballons e ospitò quasi esclusivamente fumetti d’avventura americani.
Anche altre testate periodiche come L’Audace e L’Intrepido pubblicarono soprattutto materiale americano. Nel 1936 nacque il settimanale di orientamento http://2.bp.blogspot.com/_oGg-5rClQbo/Ro8NF1DtLbI/AAAAAAAACSQ/ZImzvYsnn9s/s400/l%27audace.jpgcattolico Il Vittorioso, pubblicato fino al 1966 e che propose una serie di fumetti rigorosamente dal sapore nazionale.

L’anno seguente esordì Argentovivo, il quale lanciò i famosi fumhttp://www.papersera.net/immagini/articoli/aIIn3/06.jpgettisti Walter Molino e Rino Albertarelli.
Nel frattempo il fumetto avventuroso statunitense continuava a collezionare un crescente numero di appassionati. Ma nel 1938 il regime cercò di opporsi ai contagiosi comics americani proibendone la pubblicazione delle storie, tranne che per Topolino. Presto in Italia cominciarono ad apparire i primi eroi nostrani, sostitutivi di quelli americani, ma non inferiori per qualità o originalità. Comunque finalmente le vecchie didascalie rimate cominciarono a essere sostituite dai più moderni e dinamici balloons di ispirazione americana.

Ecco un elenco delle principali pubblicazioni dell’epoca:http://www.fumetti.org/gif/pierlamb.gif

Nel 1930 uscì sul Corriere dei Piccoli Pier Cloruro de’ Lambicchi di Giovanni Manca, dove famosi personaggi storici prendevano vita da un foglio di carta grazie alla miracolosa arcivernice.

Il 30 marzo 1930 su L’illustrazione del Popolo appare per la prima volta Topolino.
Nel 1935 uscì su Topolino S.K.1 di Guido Moroni-Celsi, prima avventura a fumetti fantascientifica italiana.
Nel 1936 Guido Mhttp://bressanini-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/files/2007/12/sandokan-66.jpgoroni Celsi dette il via al Ciclo della Malesia, ispirato alle narrazioni di Emilio Salgari e alle imprese del principe Sandokan. La serie continuò ad apparire su Topolino fino al 1941

.

  • Sempre su Topolino apparve nel 1937 Kit Carson, fumetto di Rino Albertarelli ispirato dalla già crescente fascinazione italiana per il West americano.

Anche la fantascienza chttp://www.keefestudios.com/flashfile/flash.art/blaster.gifominciò a prendere piede con Saturno contro la Terra, serie di Federico Pedrocchi e Giovanni Scolari ispirata alle avventure dell’americano  Flash Gordon, uscita su I Tre Porcellini.
Nel 1938 naque la serie dell’intrepido e robusto poliziotto italo-americano Dick Fulmine, sempre di ispirazione americana, ma adattata ai canoni imposti dal regime. Successivamente ribattezzahttp://www.lambiek.net/artists/c/cossio_c/cossio_carlo_dick_fulmine.jpgta Fulmine per stesse motivazioni, fu ideata da Vincenzo Baggioli e disegnata da Carlo Cossio.
Sulle pagine del Vittorioso apparve nel 1938 la serie dell’aviatore Romano il Legionario illustrata dall’ingegnere Kurt Caesar. Caratterizzata dalla passione dell’autore per la tecnologia e la meccanica e in linea con la propaganda fascista, la serie durò fino al 1940.
Nel 1939 esordì sulle pagine dell’ Audace Virus, il mago della foresta morta, incredibile fumetto di fantascienza creato da Federico Pedrocchi e Walter Molino.

Anni Quaranta: eroi del dopoguerra

Finita la guerra la produzione del fumetto riprese vigore ma alla figura del supereroe, troppo vicina a quella del superuomo, venne sostituita la figura del giustiziere dall’identità segreta, eroe umano mascherato. Incominciò a imporsi anche l’immagine della donna aggressiva e provocante.
Nel 1944 finì la lunga esperienza del Corriere dei Piccoli.http://www.fumettibelli.com/copertine/supereroi/misterix-11.jpg
Tra i disegnatori più amati del dopoguerra emerge Franco Caprioli, le cui storie, come quella del celebre Moby Dick, erano ambientate per la maggior parte nei mari del Sud.

In questo periodo nasce anche un nuovo tipo di fumetto, più realistico, rivolto in particolar modo alle lettrici: il fotoromanzo. Tra i più famosi quelli pubblicati da Grand Hotel dei fratelli del Duca e Bolero Film di Mondadori.

Ecco un elenco delle principali pubblicazioni dell’epoca:

Il rinnovamento del fumetto italiano avvenne nel 1945, quando Alberto Ongaro e Mario Faustinelli inventarono l’eroe mascherato di ispirazione americana Asso di Picche. La forhttp://www.mein-italien.info/bilder/literatur/pecos-bill.jpgtunata serie vide la collaborazione di Hugo Pratt

.

Max Massimino Garnier e Paul Campani crearono Misterix, l’uomo della porta accanto che grazie a un misterioso congegno riesce a trasformarsi in un eroe.
Nel 1946 Cesare Solini e Antonio Canale, in arte Phil Anderson e Tony Chan, crearono Amok, giustiziere mascherato asiatico.
L’italo-americano Gim Toro fu ideato da Andrea Lavezzolo nel 1946 e disegnato da Edgardo Dell’Acqua, Antonio Canale, Luigi Cappadonia e Carlo Cossio.
Nel 1948 nacque dai testi di Gian Giacomo Dalmasso e dai disegni di Enzo Magni Pantera Bionda, ispirata alle vicende di Sheena e soggetta a ripetuti intereventi di censura da parte della Chiesa dovuti all’abbigliamento troppo ridotto.

http://www.fumettisland.com/images/tex1.jpg

Nel 1948Gian Luigi Bonelli ideò Tex Willer, uno dei più fortunati fumetti italiani di tutti i tempi e tutt’ora in stampa.

Nel 1949 Guido Martina inventò Pecos Bill, il leggendario eroe del texas.
Andrea Lavezzolo scrisse la spietata storia di vendetta Kinowa, le cui illustrazioni furono realizzate dallo studio EsseGesse.

Anni Cinquanta: i disneyani d’Italia

Gli anni Cinquanta videro l’incredibile successo dei fumetti tascabili. Uscirono in Italia le storie disneyane pubblicate da Arnoldo Mondadori, le quhttp://www.salimbeti.com/paperinik/images/noir2.jpgali ebbero molto successo.
Nel 1958 fu pubblicata la “grande parodia” Dottor Paperus di Luciano Bottaro. Nel 1953 Romano Scarpa creò alcune storie di Topolino, come Il doppio segreto di Macchia Nera e sempre nel 1953 Giovan Battista Carpi entrò nel mondo Disney creando diverse storie. Con l’arrivo di Giorgio Cavazzano, negli anni Settanta, i fumetti disneyani furono modernizzati dal suo stile molto più dinamico.http://www.sergiobonellieditore.it/editore/img/akim.jpg

Ecco un elenco delle principali pubblicazioni dell’epoca:

Nel 1950 fu pubblicato il primo numero del piccolo corsaro Pepito, di Luciano Bottaro, che ebbe molta fortuna all’estero.

Akim, ispirato alle vicende di Tarzan, fu creato da Augusto Pedrazza su testi di Roberto Renzi.
Sebastiano Craveri propose sulle pagine del Vittorioso Zoolandia, una serie di storie avvincenti i cui protagonisti sono animali antropomorfizzati.
Sempre per il Vittorioso nel 1951 Lino Landolfi creò il poliziotto italo-americano Procopio. Le storie erano raccontate dai suoi antenati che avevano vissuto in prima persona grandi fattistorici.
Benito Jacovitti creò I 3P, le avventure umoristiche dei ragazzi Pippo, Pertica e Palla e collaborò al Vittorioso. Nel 1957 inventò per Il Giorno dei Ragazzi le storie del cowboy che beveva solo camomilla Cocco Bill.
Nel 1952 Roberto Renzi inventò la fortunata serie Tiramolla, il famoso personaggio di gomma.

Sulla scia di Tiramolla uscì nel 1959 Pugacioff di Giorgio Rebuffi.

Anni Sessanta: arrivano i cattivi e gli intellettualihttp://www.fantascienza.com/catalogo/Cov/SP/SP034.jpg

In questi anni al fumetto viene riconosciuta una dignità di linguaggio pari a quella del romanzo tradizionale e una forte importanza artistica, questo grazie anche agli studi di importanti autori quali Umberto Eco, con il suo Apocalittici e integrati, e Roberto Giammanco Data la crescente importanza attribuitagli, questo strumento comunicativo va sempre più specializzandosi in base alle diverse fasce di età e differenti target socio-culturali rappresentati da una variegata gamma di consumatori.

Con la messa in discussione dei vecchi canoni della società nasce la figura dell’eroe negativo, dalla personalità forte e ingegnosa, che non si riconosce nell’ordine sociale esistente e per questo assume atteggiamenti anarchici. Questo antieroe si maschera per non farsi riconoscere e per non essere nessuno, non può fare a menhttp://www.internationalhero.co.uk/f/fantax.jpgo di rubare ed è continuamente sopraffatto da un forte desiderio di morte e distruzione. È la nascita in Italia del fumetto noir italiano, il quale prende ispirazione dal suo predecessore francese Fantax, creato nel 1945 da Marcel Navarro e Pier Mouchotte.

Con Dino Battaglia, uno dei creatori di Asso di Picche il fumetto d’autore italiano viene rinnovato sia dal punto di vista narrativo che grafico, con cambiamenti repentini della visuale tra lehttp://img115.imageshack.us/img115/2227/cortomaltese7rp.jpgvignette e un disegno più emotivo e dinamicizzato. Ma l’evento più importante riguardo la storia del fumetto d’autore moderno, non solo italiano, è da considerarsi l’uscita del capolavoro di Hugo Pratt Una ballata del mare salato, primo episodio del suo più famoso personaggio Corto Maltese. Viene così inaugurato un nuovo modo di narrare con un fumetto più riflessivo, letterario, di narrativa, in cui le vicende, dal ritmo moderno, si svolgono in ambienti dal sapore esotico e sparsi in tutto il mondo. È il riflesso dell’utopia e di quella ricerca di libertà, avventura dell’autore.http://www.fumettomania2000.com/Diabolik%20n.%2021%20-2%5E%20Serie.jpg

Ecco un elenco delle principali pubblicazioni noir dell’epoca:

  • Il più famoso è sicuramente Diabolik ideato dalle sorelle Giussani nel 1962. Il protagonista impersonifica un cinico e violento assassino, un ladro mascherato all’antitesi del superuomo. Anche la sua compagna, Eva Kant, rispecchia un nuovo http://www.lfb.it/fff/fumetto/test/k/kriminal/kriminal.jpgmodo di rappresentare la femminilità, più vicina al modello maschile. Collaborarono alla creazione grafica gli illustratori Luigi Marchesi, Enzo Facciolo, Glauco Coretti, Sergio Zambinoni e Franco Paludetti.

Sulla scia di Diabolik escono altri protagonisti mascherati come Kriminal creato da Magnus e Max Bunker nel 1964. Stavolta incontriamo un personaggio ancora più violento e malvagio, emblema di morte e vendetta.

  • Per sdrammatizzare, nel 1968 http://static.blogo.it/toysblog/313X.jpgBonvi crea Cattivik, brutto mostriciattolo che cerca di essere cattivo a tutti i costi, ma si rivela solo uno stupido sfortunato.
  • Grottesco è lAlan Ford di Max Bunker (Luciano Secchi), sgangherato agente segreto del 1969.
  • Sempre nel 1969 Giovan Battista Carpi crea insieme a Guido Martina il famoso Paperinik, il diabolico vendicatore.

Anche le protagoniste femminili diventano più forti e spregiudicate:

Satanik, la rossa del diavolo, ideata nel 1964 da Magnus e Bunker È una donna fredda e crudele che utilizza la magia nera per portare a termine i suoi piani perversi. Grazie e un filtro magico riesce a ringiovanire e attirare i suoi amanti.
La nuova cultura che sta per affermarsi si rispecchia anche nelle vicende della bella fotografa milanese Valentina, creata da Guido Crepax e uscita nel 1965 su “Linus”. Non c’è sadismo in lei, mhttp://www.lfb.it/fff/fumetto/test/i/isabella/isabella-01a.jpga disinvoltura, mancanza di pudore, il protagonismo in una vita reale.
Nel 1966 si ha la nascita del fumetto erotico popolare italiano con l’Isabella de Frissac di Giorgio Cavedon e Sandro Angiolini. Detta la “duchessa dei diavoli”, la protagonista vive nella Francia settecentesca di Luigi XIII, e si presenta con un atteggiamento maschile, aggressivo, spudorato e provocatore.

Tra le altre principali pubblicazioni dell’epoca ritroviamo:

Nel 1961 Guido Nolitta (Sergio Bonelli) inventa il western Zagor, difensore della giustizia e della pace tra bianchi e indiani.http://www.lfb.it/fff/fumetto/test/z/zagor/zagor_001.jpg
Nel 1965 esce Girighiz di Enzo Lunari, ambientato nella preistoria. È la prima striscia umoristica e satirica di produzione italihttp://www.ubcfumetti.com/sdw/22_big.jpgana.

La serie Storia del West di Gino D’Antonio comincia a uscire nel 1967 e si configura come prima rappresentazione veritiera e attenta alla realtà storico-geografica del continente americano.http://www.bonvi.it/img_characters/s_sergente.jpg
Nel 1967 Franco Bonvicini, in arte Bonvi, crea Sturmtruppen.
Valentina Melaverde di Grazia Nidasio appare nel 1968 e racconta le storielle di una normale famiglia borghese in cui la protagonista affronta i piccoli problemi dell’adolescenza.

Anni Settanta: la contestazione

Sono gli anni della contestazione. Il fumetto, per il buon riscontro con il pubblico giovanile, la velocità di rappresentazione, e l’immediatezza, diviene medium dell’opposizione dei movimenti antagonisti e scena di unhttp://www.spaziopapel.net/edizioni/grafiche/ticonderoga.jpga satira di costume e di politica molto aggressiva, metaforico, e talvolta irreale. Linus diverrà il centro di produzione di questo tipo di comic.http://www.lfb.it/fff/fumetto/test/l/linus/linus_01.jpg
Anche dal punto di vista narrativo avviene un rinnovamento dovuto al rifiuto dell’avventura classica di stampo anglosassone, considerata troppo filoamericana, a favore della più nobile “letteratura grafica”.
Sergio Toppi, proveniente da una decennale esperienza nel Corriere dei Piccoli, è da considerarsi un innovatore in questo senso. Nel 1974 esordisce sul Messaggero dei Ragazzi mostrando caratteristiche nell’uso forte del nero e rompendo i tradizionali schemi delle vignette, con temi di grande impatto emotivo.Tra le sue creazioni, la collana Un uomo un’avventura e la serie Il collezionista.
Molto importane sarà il contributo dei fumettisti sudamericani e soprattutto argentini, tra cui Alberto Salinas e Arturo Del Castillo.

Tra le altre principali pubblicazioni dell’epoca ritroviamo:

  • Nel 1970 Alfredo Chiappori dà vita all’Up il Sovversivo, riflesso di una nuova cultura che rifiuta quella dei padri e di un rovesciamento della visuale dei giohttp://www.architetturadipietra.it/blog/allegati/disegno.jpgvani rispetto al passato.

La critica politica approda su Linus nel 1972 con Identikit di Tullio Pericoli.
Nel 1974 Il laureato di Luca Novelli fa denuncia sociale sui problemi dei giovani laureati disoccupati.
Esordisce su Linus Bobo, militante comunista inventato dall’umorista Sergio Staino.
Trino, dell’autore satirico Francesco Tullio Altan, esce nel 1974. Nel 1976 Altan crea Cipputi, l’operahttp://clio1.files.wordpress.com/2007/10/bobo-staino.thumbnail.jpg?w=128&h=89io metalmeccanico.
Renato Calligaro, fumettaro satirico di impostazione guevarista, narra delle aspirazioni e delle contraddizioni dei rivoluzionari. Nel 1973 crea Oreste e Nicola, le vicende di un vecchio operaio comunista e dhttp://www.borderfiction.it/home/images/stories/ivedovineri/fotovetrina/copertine/sconosciuto%20primo%20piano%20colorer.gifi uno studente extraparlamentare.
Guido Buzzelli dà vita a favole nere, profetiche, storie violente e angosciose, come La rivolta dei racchi, I labirinti e Zil Zelub.http://www.ubcfumetti.com/international/dh_bvza2.jpg
Gianni De Luca entra al Giornalino e nel 1970 comincia la serie Il commissario Spada, poliziotto con un forte shttp://www.neurocomix.it/UserFiles/Image/Commissario_Spada_Ill.jpgenso morale.
Magnus (Roberto Raviola) crea nel 1975 Lo Sconosciuto, dove si svolgono le storie realistiche, violente e disperate di un cinico ex ufficiale della legione straniera.
Nel 1973 appare sulle pagine del Corriere dei Ragazzi una banda di simpatici ladri gentiluomini, Gli Aristocratici di Alfredo Castelli.
I cambiamenti del fumetto avventuroso sono visibili, tra humor e divertimento, in Mister No di Guido Nolitta (Sergio Bonelli).
Hugo Pratt dà inizio alla serie Gli Scorpioni del Deserto, dove, tra le vicende di un cinico e negativo eroe, riesce ad amalgamare in un tutt’uno le impressioni dell’Africa Orientale e della seconda Guerra Mondiale.
Milo Manara dimostra la sua devozione per Hugo Pratt nel 1978, creando la serie delle Avventure di Giuseppe Bergman.
Guido Silvestri (Silver) inventa nel 1973 il fumetto umoristico Lupo Alberto.http://digilander.libero.it/mcmurpy/LupoAlberto.jpg
Agostino e Franco http://www.ludicer.it/streaming-cartoni-animati/la-pimpa/pimpa.gifOrigione creano Nilus rifacendosi all’impostazione grafica americana, in satira di ambientazione egizia.

  • Francesco Tullio Atlan crea nel 1975 la cagnetta Pimpa, un personaggio caratterizzato da allegria e humor leggero.

La rivoluzione sessuale accentua la disinvoltura delle protagoniste femminili che si mostrano senza veli e assumono ahttp://www.sergiobonellieditore.it/news/comics_gen05/img/vartan.jpgtteggiamenti maschili:

  • Sandro Angiolini disegna Vartàn,
    fumetto erotico di ambientazione western.

Lo scrittore Giuseppe Pederiali e l’illustratore Leone Frollo creano una rivisitazione in chiave erotica, ma ironica, di Biancaneve.

Anni Ottanta: le nuove avanguardie e l’effetto tv

Siamo in un momento di smarrimento, un periodo di passaggio tra gli anni della ribellione e la moderna perdita di un centro di riferimento. È il momento in cui gli artisti si lasciano conquistare dalle avanguardie degli anni quaranta per sperimentare nuove forme di narrazione, tra emozione e razionalità. È anche il momento in cui il fumetto comincia a diventare obsoleto per le nuove generazioni attirate dalla potenza della tv.

http://www.repubblica.it/speciale/2004/fumetti/parker/bandella.jpg
Ken Parker di Berardi & Milazzo

Nel 1977 esce in edicola, per i tipi della Sergio Bonelli editore, un nuovo albo a fumetti, che cambierà non poco la concenzione e la visione del fumetto Western e non, parliamo del personaggio creato da Giancarlo Berardi (testi) e Ivo Milazzo (creazione del carachter e disegni): Ken Parker. L’eroe ebbe un forte impatto sul fumetto italiano seriale (albo Bonelli per intenderci), sia per le tematiche (un mix di valori umani e rivisitazione dei vecchi stereotipi sul falso mito Indiani/cattiviBianchi/buoni) e sia per i disegni (un bianco e nero minimale e dalle inquadrature cinematografiche). Ken Parker ebbe un forte successo, sia di critica e sia di vendite, che fece poi da apripista ad altri fumetti di tipo seriale con tematiche più adulte, come Dylan Dog, e  prodotti di altre case editrici, che qualche anno dopo, inizieranno sfornare per le edicole e per le  Fumetterie.

Nel 1980 esce Frigidaire, rivista culturale di fumetti e altro che racchiude in sé le visioni più controcorrente della realtà contemporanea. Vi collaborhttp://www.speciali.espressonline.it/prodotti/andrea_pazienza/img/zanardi.jpgano Stefano Tamburini, creatore di Ranxerox,

http://a18.ac-images.myspacecdn.com/images01/20/l_45faec5f5a629b39dd1f6ad5b23746b9.jpg
Ranxerox di Stefano Tamburini e Tanino Liberatore

cibernetica violenza ispiratrice del cult movie Terminator, e Filippo Scòzzari, estremista creatore del Dottor Gek e Primo Carnera.http://www.myexl.it/public/img_articoli/901/igort1.jpg

Nel gruppo Valvoline, costituito da giovani bolognesi inseguitori delle avanguardie artistiche, il fumetto è reinventato, in linea con il mondo che sta cambiando. Collaborano Igort (Igor Tuveri), sperimentatore grafico e di narrazione, Giorgio Carpinteri, dal tratto cubista e i contenuti demenzial-noir, Roberto Balzazzini, più vicino alla scuola pop e creatore di Baldo. Il ribellismo giovanile, la volontà di autodistruzione, l’affondamento delle ideologie, la droga, il culto della violenza, il punk, sono rappresentati in tutto dalla figura dell’illustratore Andrea Pazienza che crea nel 1980 Zanardi, studente diabolico, figlio cinico della società mhttp://nova100.typepad.com/photos/uncategorized/2008/01/06/ramarro_epifania.jpegalata.

Su Alter Alter Lorenzo Mattotti pubblica, nella ricerca di nuove espressioni e simboli, Incidenti, Il Signor Spartaco e Fuochi.
Massimo Mattioli è un illustratore dallo spirito antagonista e creatore di situazioni cattive e impermeate di sesso, sadismo e ironia come Joe Galaxy.
Giuseppe Palumbo idea Ramarro, verde supereroe masochista, muscoloso e immortale. La sperimentazione cromatica e di forme avviene soprattutto per mano di Massimo Giacon, illustratore di tavole ipercolorate, dalle linee spezzate e i cromatismi a contrasto e Francesca Ghermandi, ideatrice di personaggi semiantropomorfi, dai forti contrasti cromatici e vicende dalla futuristiche.http://www.filmzone.it/wp-content/uploads/2009/02/dylan.jpg

Tra le altre principali pubblicazioni ritroviamo:

  • http://www.girodivite.it/antenati/immagini/imgcartoons/martin_mystere1.jpgMartin Mystère creato da Alfredo Castelli nel 1982, è il detective dell’impossibile, personaggio di forte spessorehttp://4.bp.blogspot.com/_8_qGO7MFoVs/RoOc-LPGFyI/AAAAAAAAAlU/zVRj9-b3hNY/s320/Rat-Man.jpg e personalità.

Nel 1986 esce una della più fortunate serie italiane di sempre: Dylan Dog di Tiziano Sclavi ed edito da Sergio Bonelli. Lo smarrimento in tempi senza religione, rappresentato con grande abilità con storie di reale sofferenza, orrore e gusto splatter.
Nick Raider, agente della squadra omicidi di New York, è un romanzo poliziesco, di Claudio Nizzi edito nel 1988.
Luca Novelli e Cinzia Ghigliano creano Storia della Chimica nel 1984 e La storia naturale: la biologia a fumetti da Aristotele al Dna nel 1989.
Leo Ortolanicrea nel 1989 il comico Rat-Man.http://www.alanmooresenhordocaos.hpg.com.br/Druuna.JPG

Le maggiori libertà di linguaggio, la caduta delle censure, il graffitismo formale danno vita a storie di donne sempre più spregiudicate:http://www.amv-lilliput.org/MODELLI/figurini/eroine/LaBionda-BD.jpg

Solange di Cinzia http://2.bp.blogspot.com/_I6fRquEc_PQ/SVY7Xl8_dhI/AAAAAAAAM6U/WvuLdXH2Eq4/s400/il_gioco_manara.jpgGhigliano è più di sentimento che di sesso, le storie sono molto introspettive.
Cinzia Leone crea Gilda, protagonista dall’atteggiamento mascolino.
Nel 1983 esce Il Gioco di Milo Manara. Con atmosfere morbosamente sensuali.
Paolo Eleuteri Serpieri idea “Morbus Gravis” nel 1985, dove la maggiorata Druuna, vive in un futuro angoscioso.
Franco Saudelli crea nel 1987 La Bionda, personaggio erotico, ma ironico.

Non mancano la satira di costume e di politica, al bando delle ipocrisie Il più celebre vignettista satirico italiano di questi anni e tutt’ora all’attivo è sicuramente Giorgio Forattini, di cui innumerevoli sono le pubblicazioni.

Tra le altre principali pubblicazioni ritroviamo:

Francesco Cascioli e Bruno D’Alfonso creano nel 1984 Ciacci per Linus, serie di satire di costume ambientata nella scuola italiana.
Angese (Sergio Angeletti) crea il fumetto di satira politica Craxi & Martelli.
Stefano Disegni e Massimo Caviglia ideano Lo salviamo noi il cinema!.

Anni Novanta: fenomeni d’importazione

Le tecnologie avanzano e l’interattività con loro, ne è un esempio il lavoro di Ro Marcenate che ha utilizzato il computer per creare le tavole della riproduzione a fumetti del Candido di Voltaire.

♦♦♦
Nel frattempo continua a imperversare la satira politica, con Danilo Marmotti e il suo Milan Dog.http://www.adherents.com/lit/comics/image/Batman_BatEntity_1.jpg
Dopo una crisi del fumetto negli ’80 verso l’inizio degli anni ’90 c’è una ripresa, grazie alla rinascita dell’interesse verso i supereroi del fumetto americano, in particolare Batman Il ritorno del Cavaliere Oscuro di Frank Miller e Watchmen di Alan Moorehttp://larryfire.files.wordpress.com/2009/01/watchmen-art.jpg?w=301&h=300
L’importazione dei cartoni animati giapponesi ha dato il via ad un altro fenomeno che ha visto il boom in questo periodo: quello dei manga (fumetti giapponesi).http://www.occhidigatto.it/images/Manga%20immagini/Trio%20manga/trio%20manga.jpg
Un altro motivo che riportò alla ripresa del mercato fu l’enorme successo del fumetto Dylan Dog di Tiziano Sclavi (edito da Bonelli). Uscito nelle edicole nel 1986 inizialmente non suscita molto interesse, dopo circa due anni tuttavia diventa un fenomeno cult, raggiungendo tali livelli di vendita da esshttp://www.usatoecollezioni.it/images/fumetti/marvel.jpgere uguagliato, in Italia, solamente da Topolino e da Tex. Dylan Dog è rimasto tra i più conosciuti e la Bonelli Editore è divenuta una casa editrice di tendenza. A tutt’oggi è rimasta forse l’unica vera realtà editoriale di fumetto professionale qualitativamente eccellente nel panorama italiano.
Un altro fumetto particolarmente apprezzato in questo decennio e nel successivo è Rat-man di Leo Ortolani. Il personaggio nasce come una parodia dei supereroi americani, in particolare di Batman, ma in esso si riconoscono altri elementi propri degli eroi Marvel creati da Stan Lee.
Oggigiorno si assiste tuttavia ad una saturazione del mercato di prodotti americani e giapponesi, con sempre meno spazio nelle case editrici per gli autori italiani, sempre a eccezione della Bonelli

Il nuovo millennio: le nuove tecnologie

Con la rete anche il modo di scambiare e creare fumetti sta cambiando. Infatti, oltre ai noti vantaggi offerti dal file-sharing, cominciano a nascere nuove testate edite e vendute direttamente ed esclusivamente su Internet, il cosiddetto “fumetto on-line”.

Il mondo dei fumetti cartacei continua comunque a sopravvivere, sia con le stampe dei vari classici Bonelli, Rat-man etc., sia con la pubblicazione di nuove testate. Tra queste spicca W.I.T.C.H. di Elisabetta Gnone, prodotto dalla Disney Italia, e che ha riscosso un grande successo soprattutto tra le giovani lettrici.

Il fumetto sull’Iphone

Uno dei sviluppi futuri del fumetto è senz’ombra di dubbhttp://www.iphoneland.it/wp-content/uploads/separate-world.jpgio la possibilità di poter leggere e vedere sugli Smartphone e su appositi Ebook, le  proprie storie preferite. Magari accompagnate da una colonna sonora personalizzata, o come avviene nel cinema, adattata per la storia da sapienti musicisti. In Italia ci stanno provando un gruppo di giovani autori con il progetto “A separate world”.

Per maggiori informazioni cliccate qui: A separate world

Bibliografia

  • Clair R., I primi eroi, Milano, Garzanti, 1965
  • Faeti A., Guardare le figure. Gli illustratori italiani dei libri per l’infanzia, Torino, Eianaudi, 1972.
  • Giromini F., Martelli M., Gulp!100 anni a fumetti. Un secolo di disegni, avventure, fantasia, Milano, Electa 1996
  • Bertieri C., AZ comics, 1969
  • Moliterni C., Mellot P., Denni M., Il fumetto. Cent’anni di avventura, Universale Electa, 1999
  • http://www.bottazzo.it/fumetti/images/ill-corriere-piccoli.jpg

7 commenti leave one →
  1. Elisabetta permalink
    8 giugno 2010 2:39 PM

    è semplicemente stupendo, devo fare la tesina di terza media sul fumetto e qui ho trovato degli ottimi spunti…grazie

    Betta

  2. Il Ras permalink
    14 giugno 2010 2:32 PM

    Articolo molto interessante e ben fatto,grazie per averlo pubblicato.
    Complimenti per il blog.

  3. joe7 permalink
    1 settembre 2012 4:10 PM

    E’ molto dettagliato, devo farti i miei più sinceri complimenti: però volevo avvertirti che certe immagini non si vedono,purtroppo…

Trackbacks

  1. Le grandi invenzioni – Il Fumetto « COMICSANDO image
  2. Ken Parker « COMICSANDO image
  3. Chi è Eva Kant « COMICSANDO image
  4. Fumettisti: Claudio Nizzi « COMICSANDO image

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 33 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: