Vai al contenuto

Iron Man


Iron Man (film)

Iron Man


Una scena del film
Titolo originale: Iron Man
Lingua originale:
Paese: USA
Anno: 2008
Durata: 126′
Colore: colore
Audio: sonoro
Rapporto: 2.35:1
Genere: azione, supereroi
Regia: Jon Favreau
Soggetto: dal fumetto Marvel Comics
Sceneggiatura: Mark Fergus, Hawk Ostby, Art Marcum, Matt Holloway
Produttore: Avi Arad, Kevin Feige
Produttore esecutivo: Louis D’Esposito, Peter Billingsley, Jon Favreau, Avi Arad, Stan Lee, David Maisel
Casa di produzione: Paramount Pictures
Distribuzione (Italia): Paramount Pictures
Storyboard: {{{nomestoryboard}}}
Art director: {{{nomeartdirector}}}
Character design: {{{nomecharacterdesign}}}
Mecha design: {{{nomemechadesign}}}
Animatori: {{{nomeanimatore}}}
{{{nomedoppiatorioriginali}}}
Episodi:
Fotografia: Matthew Libatique
Montaggio: Dan Lebental
Effetti speciali: {{{nomeeffettispeciali}}}
Musiche: Ramin Djawadi
Tema musicale: {{{temamusicale}}}
Scenografia: J. Michael Riva
Costumi: Rebecca Bentjen & Laura Jean Shannon
Trucco: {{{nometruccatore}}}
Sfondi: {{{nomesfondo}}}
Sequel: {{{nomesequel}}}
Si invita a seguire le linee guida del Progetto Film

Iron Man è un film del 2008, diretto da Jon Favreau e interpretato da Robert Downey Jr.,[1] basato sul personaggio dei fumetti della Marvel Comics Iron Man, creato da Stan Lee, Jack Kirby, Larry Lieber e Don Heck.

La pellicola è uscita nelle sale cinematografiche degli USA il 2 maggio 2008, mentre in quelle italiane il primo maggio 2008.[2]

Trama

L’eccentrico, donnaiolo, e frivolo Tony Stark, miliardario a capo delle Stark Industries, si reca in Afghanistan per supervisionare un test bellico al fine di mostrare il rivoluzionario missile “Jericho” alle truppe americane. Durante uno spostamento, il suo veicolo viene attaccato, e lui viene colpito al petto da alcune schegge di una bomba, svenendo.

Al suo risveglio, si ritrova prigioniero di un gruppo terroristico chiamato “I dieci anelli”, il cui capo, Raza, gli ordina di costruire un Jericho. Stark è stato curato, ma si ritrova un elettromagnete impiantato al centro del petto, per impedire alle schegge di raggiungere il suo cuore. Assieme al dottor Yinsen, prigioniero come lui, realizza un reattore Arc miniaturizzato, col quale alimentare l’elettromagnete, e anziché costruire il missile, assembla un’armatura in grado di donare loro la libertà. Il dottore si sacrifica poi per permettergli la fuga, e Stark riesce a scappare, incendiando la base e volando via. Atterra poi nel deserto, distruggendo nell’impatto l’armatura, e viene ritrovato dalle truppe USA.

Tornato a casa, Stark realizza un nuovo generatore per il suo corpo; quello vecchio, che sta per essere buttato, viene salvato dalla fida segretaria Pepper Potts, che glielo regala con la targa Ecco la prova che anche Tony Stark ha un cuore. Infatti Stark decide di dare una svolta alla sua vita e soprattutto alle sue industrie, rinunciando al settore armamenti e puntando invece su altri settori, con altre tecnologie, a partire dai reattori Arc. Obadiah Stane, socio e amico del padre di Stark, inizia col sostenerlo, salvo poi essere scoperto a fare il doppio gioco, fornendo armi sia alle forze alleate che ai loro nemici. L’affarista tenta poi di escludere Stark dal consiglio di amministrazione della società.

Stark decide di votarsi al Bene, cercando di porre rimedio a dove le sue armi hanno portato distruzione, nonostante anche il disappunto dell’ufficiale Jim Rhodes, suo amico e consulente allo sviluppo dell’esercito. Il miliardario continua nel perfezionare l’armatura, creando il modello Mark II, e successivamente la versione Mark III. Il primo modello però viene ritrovato da Raza, il quale riceve una visita da Stane: era stato quest’ultimo ad ordire il rapimento di Stark, ma i terroristi, saputo chi era il bersaglio, avevano preferito sfruttare le sue conoscenze per procurar loro un’arma, ed inaspettatamente Stark ne aveva fornita una ancora migliore.

Stane se ne impossessa, ma capisce che l’unica maniera per alimentare quella tecnologia è nel reattore Arc, che Stark si era sempre rifiutato di far analizzare. Lo raggiunge a casa, lo paralizza, e gli prende il reattore, condannandolo alla morte. Stark si trascina fino alla teca con il vecchio “cuore”, che raggiunge grazie al suo assistente artificiale Jarvis. Rhodes lo trova poi svenuto, e Stark gli rivela tutto. Intanto, Pepper Potts scopre i progetti segreti di Stane, e collaborando con un’agenzia governativa denominata Strategic Homeland Intervention, Enforcement, and Logistics Division, si ritrova di fronte Iron Monger, possente armatura comandata da Stane, creata dai suoi tecnici sulla base della Mark I.

Stark fronteggia Stane e lo sconfigge, e i mass media forgiano il nome di Iron Man per quest’eroe “sconosciuto”. Durante una conferenza stampa, Stark svela al mondo che lui è Iron Man, sorprendendo la stessa agenzia segreta (ora denominata S.H.I.E.L.D.), che aveva preparato una copertura per far sì che Iron Man risultasse solo una guardia del corpo di Stark (e che Stark stesso si era “impegnato” a supportare).

Scena dopo i titoli di coda

In seguito Nick Fury, capo dello S.H.I.E.L.D., rimprovera Stark della sua rivelazione, e lo introduce all’”Iniziativa Vendicatori“.

Produzione

La pre-produzione del film si è avviata ad aprile 2006,le riprese del film sono iniziate ufficialmente il 12 gennaio 2007[3] si sono svolte a Los Angeles[4] e si sono concluse il 25 giugno 2007.[5] Il budget per la realizzazione del film è stato di circa 135.000.000 $.[citazione necessaria]

Nel maggio 2007 sono iniziati a circolare in rete le prime locandine ufficiali del film.

Il 3 giugno 2007, MTV ha realizzato uno speciale sul set del film con il cast, regista e produzione dietro le quinte, mandato in onda successivamente.

Il 22 luglio 2006 al Comic-Con di San Diego, Favreu dichiarò che il cattivo che avrebbe sfidato Iron Man sarebbe dovuto essere il Mandarino, ma in seguito si è optato per Obadiah Stane (Jeff Bridges) che diviene il pericoloso Iron Monger. Il Mandarino comunque farà un’apparizione-cameo nella pellicola. Il suo personaggio sarà approfondito in eventuali seguiti.

L’armatura ufficiale di Iron Man utilizzata per le riprese del film è stata esposta in vetrina al pubblico a San Diego il 2 agosto 2007 alla Comic-Con, importante fiera fumettistica. A tale manifestazione erano presenti il regista Jon Favreau e Robert Downey Jr, che nel film interpreta il protagonista.[6]

Cast

Il 28 settembre 2006, il sito “Ain’t It Cool News” ha comunicato che il protagonista sarà Robert Downey Jr., Jim Rhodes, alias War Machine, sarà Terrence Howard, Virginia “Pepper” Potts sarà Gwyneth Paltrow e Jeff Bridges sarà Obadiah Stane alias il supercriminale Iron Monger.

Tra gli attori candidati per la parte principale di Tony Stark/Iron Man c’era Tom Cruise inizialmente l’attore si era proposto per la parte nel 2005, successivamente nel 2006 per motivi sconosciuti ha rifiutato la parte.

Il personaggio di Nick Fury, capo dello S.H.I.E.L.D., è interpretato dallo stesso attore di colore (Samuel L. Jackson) le cui fattezze sono state riprese per la versione Ultimate dal disegnatore Bryan Hitch. Il personaggio compare dopo i titoli di coda del film in una sequenza in cui gli parla dell’iniziativa “Vendicatori“.[7]

Camei

Nel film compaiono in camei:

  • Jon Favreau, nei panni dei Harold “Happy” Hogan, personaggio importante nei fumetti.
  • Stan Lee, il co-creatore di Iron Man, interpreta un miliardario contornato da ragazze che viene scambiato da Stark per il celebre Hugh Hefner (fondatore della rivista Playboy)
  • Nella versione originale americana l’attore Paul Bettany dà la voce a Jarvis.

Interviste

Il regista Jon Favreau ha sostenuto l’impronta data al film, più leggera che dark, più d’intrattenimento che impegnata; la sua idea era una pellicola che facesse riflettere senza fare “prediche” (principalmente sulla proliferazione di armi), e che puntasse sull’eroe che, anziché ricevere i poteri dal nulla, ricercasse volontariamente una trasformazione, quasi come un risveglio della coscienza[8].

Il protagonista Robert Downey Jr. si è detto felice di aver avuto libertà, come tutto il resto del cast, di lavorare sulla sceneggiatura e sulle battute, ed ha trovato il personaggio di Stark complesso, eccentrico, anche contraddittorio, e il suo intento è stato quello di portare il pubblico a cogliere non solo gli effetti speciali, ma anche le sfumature narrative e umoristiche[9].

Terrence Howard si è dichiarato poi impaziente di vestire il ruolo di War Machine, e anche se non conosceva i fumetti di Iron Man ma solo la serie televisiva, ha trovato l’action movie molto stimolante, ed ha lodato apertamente il talento e l’impegno di Downey Jr., ammirandolo, e giudicando l’attore fondamentale per il successo del film[10].

Trailer

Il primo teaser trailer del film Iron Man è stato ufficialmente presentato il 9 settembre 2007 agli MTV Video Music Awards a Las Vegas. Mentre il giorno successivo il sito Movie Web ha postato in rete il primo trailer completo[11] del film, il 14 settembre 2007 e stato reso disponibile il Teaser Trailer del film anche in italiano dal sito Trailersland.com[12][13][14]

Citazioni

La sequenza in cui Iron Man indossa per la prima volta l’armatura Mark III, è una chiara citazione/omaggio del trailer del videogioco StarCraft II della Blizzard Entertainment.

I due jet che danno la caccia ad Iron Man si chiamano Wiplash, che nel fumetto è il nome di un nemico di Iron Man che fa uso di una frusta cibernetica (il personaggio appare anche nella serie televisiva della Fox).

Il nome “I dieci anelli” è un chiaro riferimento al Mandarino che, sempre nel fumetto, fa uso di dieci magici anelli dai molteplici poteri.

L’idea di fare di Iron Man la guardia del corpo di Tony Stark, che viene rivelata alla fine del film, è ripresa dal fumetto; difatti in origine Stan Lee aveva deciso che Stark avrebbe avuto un’identità segreta (come tutti i super eroi dell’epoca) e per celarla aveva adottato questa misura di sicurezza; solo Jim Rodhes ne era a conoscenza. Stark si sarebbe rivelato al mondo (come si vede appunto nel film) durante la saga di Civil War.

Sequel

Il produttore del film Avi Arad ha spiegato l’adattabilità di Iron man come franchise cinematografico in quanto si occupa di questioni sociali ed ha come protagonista un uomo redento diventato eroe[15].

Jon Favreau ha dichiarato di avere firmato, assieme al resto del cast, un contratto per la presenza in altri due film[16], e parlando dei prossimi nemici ha asserito di voler trasporre Mandarino, supercriminale e nemesi di Iron Man[16]. Ha espresso inoltre l’interesse di dirigere il film sui Vendicatori, in cui vorrebbe Downey come Iron Man. L’apparizione di Nick Fury, alla fine del film, ne crea le premesse.

Il seguito del film esce ufficialmente il 30 Aprile 2010 mentre il film dei Vendicatori nel Luglio 2011 [17]

Crossover cinematografici

Nei piani della casa produttrice Marvel vi sono progetti di crossover tra le varie pellicole. Riguardo ad Iron Man, i collegamenti sono:

  • Robert Downey Jr. riprende il ruolo di Tony Stark/Iron Man in L’incredibile Hulk. La scena è stata proiettata in anteprima al New York Comic Con:[18] infatti, una scena mostra Stark parlare con il generale Ross (William Hurt) e contrattare il suo aiuto per acciuffare Hulk grazie all’aiuto di un team, i Vendicatori.[19]
  • In una scena di Iron Man compare lo scudo di Capitan America.[20]

Differenze tra il film ed il fumetto

  • Nella sua prima storia a fumetti (marzo 1963), Stark veniva ferito e rapito in Vietnam; per rendere il personaggio più attuale, nel film le origini di Iron Man vengono ambientate in Afghanistan.
  • Jarvis, il fedele maggiordomo di Stark, è rappresentato nel film non come un umano bensì come un’intelligenza artificiale.
  • Il professor Yinsen ha origini asiatiche nel fumetto, afghane nel film.
  • La ditta di costruzione di Tony Stark nel fumetto si chiama Stark Enterprises, mentre nel film Stark Industries.

Altri media

È stato pubblicato da SEGA l’omonimo videogioco basato sul film, disponibile per le piattaforme PlayStation 3, Wii, Xbox 360, PSP e PS2.

Per pubblicizzare maggiormente il lancio del film, è stata realizzata una miniserie in animazione 3D intitolata Iron Man’s Adventure, finita di pubblicare sul finire di febbraio 2007. Protagonisti Iron Man, l’Uomo Ragno e Hulk, resi con tratto e movenze piuttosto realistiche.[21]

Doppiaggio

Tema musicale e colonna sonora

Il tema musicale del film è composto dal compositore Ramin Djawadi che ha preferito un tema ritmato e pieno di chitarre elettriche; queste ultime sono eseguite da Tom Morello dei gruppi dei Rage Against The Machine e Audioslave. La colonna sonora, invece, curata da Dave Jordan, contiene i brani: Iron Man dei Black Sabbath, suonata nei titoli di coda; Back in Black degli AC/DC, suonata nei titoli di testa; Institutionalized dei Suicidal Tendencies, presente in una scena ambientata a casa di Stark. Non è stato confermato ma lo score firmato da Ramin Djawadi sembra, alcune volte, suonare le prime note di Iron Man dei Black Sabbath. Altra curiosità: il cellulare di Tony Stark suona il tema del vecchio cartone animato di Iron Man; tema ripreso e orchestrato anche alla festa in onore di Stark.

Note

  1. ^ (EN) Marvel News: Robert Downey Jr. is Iron Man. URL consultato il 2-8-2007.
  2. ^ Date di release dell’Internet Movie Database
  3. ^ [1]
  4. ^ http://imdb.com/title/tt0371746/locations
  5. ^ [2]
  6. ^ (EN) Iron Man Stands Triumphant at San Diego Comic-Con 2007. URL consultato il 3-8-2007.
  7. ^ Tutto su Iron Man. Badtaste.it, 24-04-2008. URL consultato il 24-04-2008.
  8. ^ Marco Spagnoli. «Supereroe per caso: intervista a Jon Favreau». Fantascienza.com , 04/05/2008 (consultato in data 04-05-2008).
  9. ^ Marco Spagnoli. «Iron Man: A Beautiful Mind». Fantascienza.com , 04/05/2008, pag. 2 (consultato in data 04-05-2008).
  10. ^ Marco Spagnoli. «Terrence Howard: Il mio futuro è War Machine». Fantascienza.com , 04/05/2008 (consultato in data 04-05-2008).
  11. ^ IRON MAN IL FILM. Spaghettihero. URL consultato il 18-11-2007.
  12. ^ HD: Il Teaser Trailer Italiano di Iron Man in HD e non!. Trailersland.com. URL consultato il 18-11-2007.
  13. ^ Iron Man, il trailer!. Cineblog.it, 11-09-2007. URL consultato il 18-11-2007.
  14. ^ Iron Man, il promo del trailer!. Cineblog.it, 10-09-2007. URL consultato il 18-11-2007.
  15. ^ Marco Spagnoli. «L’era delle produzioni Marvel». Fantascienza.com , 04/05/2008, pag. 2 (consultato in data 04-05-2008).
  16. ^ a b Intervista a Jon Favreau: Iron Man. Comics Continuum, 03-03-2008. URL consultato il 28-04-2008.
  17. ^ BadTaste «Arrivano Thor, Capitan America e i Vendicatori!». , 05-05-2008 (consultato in data 10-05-2008).
  18. ^ Confermato: Iron Man nell’Incredibile Hulk. Badtaste.it, 21-04-2008. URL consultato il 21-04-2008.
  19. ^ William Hurt svela il cameo di Iron Man in Hulk. Badtaste.it, 21-01-2008. URL consultato il 19-04-2008.
  20. ^ BadTaste.it «Lo scudo di Capitan America in Iron Man!». , 05-05-2008 (consultato in data 10-05-2008).
  21. ^ Online l’avventura di Iron Man. 20-02-2008. URL consultato il 21-02-2008.

Collegamenti esterni

Ancora nessun commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 33 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: