Skip to content

Gianfranco Manfredi

25 marzo 2009

Gianfranco Manfredi

foto by Joezattere

Gianfranco Manfredi (Senigallia, 26 novembre 1948) è un cantautore, scrittore, sceneggiatore e attore nonché autore di fumetti italiano.

« E mia madre m’ha guardato
dice: come sei finito!
cosi in basso non t’avrei pensato mai…
Sì ma in basso puoi scoprire
le sottili incrinature
che non puoi studiare all’Università.
Ma non è una malattia
no, non è una malattia
e non è una malattia. »
(Ma non è una malattia)

Biografia

Studia a Milano, dove si laurea all’Università Statale in Filosofia, con il Professor Dal Pra. Rimasto a Milano, frequenta la redazione di Re Nudo dove entra in contatto con il mondo controculturale italiano. Dall’atmosfera anarco-situazionista del gruppo di Re Nudo e dei festival pop organizzati dalla rivista, Manfredi trova fonte di ispirazione per le sue prime canzoni.

https://i0.wp.com/www.globalproject.info/IMG/jpg/renudo100206_600_x_849_-2.jpgIl suo primo album, La crisi, è del 1972. In esso si riscontrano già presenti le tematiche della sua produzione musicale dell’intero decennio: uno sguardo ironico e disincantato sui giovani di sinistra di quell’epoca, divisi tra la violenza dei gruppi organizzati, l’ironia dell’ala creativa del movimento studentesco e la riflessione sugli aspetti personali e privati dell’impegno politico. Sintomatici anche i titoli dei brani: E Giuseppe leggeva Lenin, Sei impazzita per Marcuse, Lamento per i compagni usciti dall’organizzazione, La proletarizzazione.

Nel 1973 completa gli studi di filosofia, iniziando a lavorare per l’Istituto di Storia della Filosofia (nel 1978 pubblica il saggio L’amore e gli amori in Jean-Jacques Rousseau).

Il secondo album, Ma non è una malattia (1976) conferma e precisa l’obiettivo dell’autore, che con le sue ballate mette alla berlina il linguaggio e i luoghi comuni della “nuova sinistra” parlamentare (Non aspettarti comprensione da lui, son troppi anni che non prende più il tram, lui non ricorda com’è fatta una galera o non c’è mai stato; e poi fa finta di litigare con quell’altro solo quando la telecamera è sul rosso). L’album è permeato da temi cari all’area dell’Autonomia Operaia: gli “espropri proletari” (T’ho incontrata a Quarto Oggiaro davanti al Supermarket saccheggiato), la lotta armata (Forse ho un poco paura del fantasma del Che, qualche volta lo sento proprio dentro di me; non è sulla maglietta che mi sorriderà: forse in una doppietta più sereno sarà); in particolare, i testi affrontano temi comuni alla cosiddetta “ala creativa” di Autonomia Operaia: l'”io mercificato” (sono merce che un estraneo scambia in me tra me e me), e la liberazione dell’io (Ma chi ha detto che non c’è).

Il terzo album, Zombie di tutto il mondo unitevi (1977), scritto assieme a Ricky Gianco prosegue ulteriormente il discorso. Il disco, che vede la partecipazione della Premiata Forneria Marconi, è anche all’origine di uno spettacolo teatrale.

Dopo Biberon (1978) e una partecipazione elettorale con il Partito Radicale, collabora alla realizzazione del film Liquirizia di Salvatore Samperi.

https://i0.wp.com/www.ayaaaak.net/public/magico2.jpg

Magico Vento

Nel corso degli anni ottanta pubblica l’album Gianfranco Manfredi (1981), meno arrabbiato e più riflessivo dei precedenti, e dirada la sua attività discografica, concentrandosi invece su quella di sceneggiatore e anche attore cinematografico (Fotografando Patrizia, Nel giardino delle rose, In camera mia e Abbronzatissimi 2 – un anno dopo). Cura alcuni volumi sulla musica italiana per la Lato Side e pubblica una serie di libri di genere noir (Magia rossa, 1983, Cromantica, 1985, Ultimi vampiri, 1987, Trainspotter, 1989). Prosegue inoltre la collaborazione con Ricky Gianco, assieme al quale lavora a dischi e recital teatrali. Nel 1993 torna a dare alle stampe un album discografico, In paradiso fa troppo caldo.

https://i1.wp.com/www.gianfrancomanfredi.com/per.gif

Gordon Link

Negli anni novanta inizia un’intensa attività di sceneggiatore di fumetti, dando alla luce i personaggi di Gordon Link (editoriale Dardo) e di Magico Vento, creato nel 1997 per Sergio Bonelli Editore. È del 2007 Volto Nascosto, miniserie di quattordici numeri pubblicata sempre dall’editore milanese.

Discografia parziale

  • 1974 – La crisi (Spettro)
  • 1976 – Ma non è una malattia (Ultima Spiaggia)
  • 1977 – Zombie di tutto il mondo unitevi (Ultima Spiaggia)
  • 1978 – Biberon (Ultima Spiaggia)
  • 1981 – Gianfranco Manfredi (Philips)
  • 1985 – Dodici (con Ricky Gianco, Fonit-Cetra)
  • 1993 – In paradiso fa troppo caldo (Gordon Link/Sony Music)
  • 2003 – Danni collaterali (Materiali musicali cd il manifesto)

Saggi

Romanzi

https://i2.wp.com/www.tifeoweb.it/pws/images/article/7/3106-517.jpg

  • Ho Freddo, Gargoyle Books, 2008 val al sito del libro »
  • Magia Rossa, Feltrinelli, 1983 – Con Gargoyle Books Nuova Edizione 2008
  • Cromantica, Feltrinelli, 1985.
  • Ultimi vampiri, Feltrinelli, 1987.
  • Trainspotter, Feltrinelli, 1989.
  • Il peggio deve venire, Mondadori, 1992.
  • La fuga del cavallo morto, Anabasi, 1993.
  • Una fortuna d’annata, Tropea, 2000.
  • Il piccolo diavolo nero, Tropea, 2001.

Filmografia parziale

https://i0.wp.com/www.mymovies.it/dvd/imm_ibs/z00/8032807011400.jpg

Sceneggiatore

Attore [modifica]

Collegamenti esterni

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: