Vai al contenuto

Arthur e il popolo dei Minimei

25 novembre 2008

Arthur e il popolo dei Minimei


Titolo originale: Arthur and the Minimoys

Paese: USA, Francia
Anno: 2006
Durata: 102′
Colore: colore
Audio: sonoro


Genere: animazione
Regia: Luc Besson
Soggetto: Luc Besson























Musiche: Eric Serra












Arthur e il popolo dei Minimei è un film del 2007 di Luc Besson con Freddie Highmore, Mia Farrow, Penny Balfour e Doug Rand tratto dai romanzi per l’infanzia dello stesso Besson Arthur e il popolo dei Minimei e Arthur e la città proibita.

Per il 2009 e il 2010 è annunciata l’uscita di altri due film basati sulla stessa saga: Arthur e la vendetta di Maltazard e Arthur e la guerra dei due mondi.

Trama

La storia è ambientata nel Connecticut del 1960. Arthur è un ragazzino di 10 anni che vive in campagna con la nonna a causa dell’assenteismo dei genitori. Aveva un nonno esploratore che compiva molti viaggi tra l’Asia e l’Africa e che al ritorno gli portava doni e gli raccontava storie di ogni genere. Il nonno scompare misteriosamente, e la nonna si ritrova ad affrontare da sola i debiti e un losco imprenditore che vuole ottenere il terreno della loro casa, per costruirci degli immobili.

i Minimei

i Minimei

Un giorno, la nonna di Arthur gli racconta la storia di una strana tribù che il nonno aveva incontrato: i Minimei. Quest’ultimi erano in stretto contatto con il nonno del ragazzino, anche perché sarebbero raggiungibili da casa loro attraverso un portale. L’ultima volta che era stato da loro, il nonno avrebbe portato con sé un tesoro di inestimabile valore che gli era stato donato da un’altra strana tribù in ringraziamento al suo aiuto: i Bogo Matassali.

Una ragazza Minimei

Selenia

Affascinato da questa storia e desideroso di estinguere i debiti della nonna, il piccolo Arthur comincia a cercare il portale e lo trova seguendo vari indizi nascosti in casa e con l’aiuto dei Bogo Matassali, comparsa lì misteriosamente. Il portale rimpicciolisce Arthur e lo trasforma in un minuscolo folletto dai capelli bianchi. Incontra i Minimei e scopre che stavano proprio davanti casa loro e che sono alti due millimetri e mezzo. Viene a sapere che il nonno è stato rapito da “M” il Malvagio (Maltazar) e che aveva con se il tesoro quando è scomparso. Incomincia così un lungo viaggio (attraverso il suo stesso giardino) insieme a due amici: la principessa Selenia e il suo fratellino Bétamèche.

Curiosità

Il film contiene alcuni errori, anacronismi ed errori di traduzione:

  • In una scena in cui i tre protagonisti erano in pericolo in una barca di fortuna, Arthur chiede a Betameche se ci sia una corda nel suo coltellino multiuso a trecento funzioni, ricevendo una risposta negativa. Qualche scena più tardi, Selenia riesce a tirare fuori dallo stesso aggeggio un arpione per scalare un papavero.
  • In un’altra scena, mentre Arthur guida una macchina, dice: “Spero che non ci siano autovelox, o siamo fatti!”, ma il film è ambientato nel 1960, molto prima dell’invenzione dell’autovelox; questo “errore” si attribuisce ad un particolare sarcasmo.
  • Sempre nella scena della fuga sulla macchinina di Arthur, si può notare un errore fisico: i protagonisti fuggono in una macchinina alta due centimetri, ma i Minimei sono alti due millimetri e mezzo.

Nella versione tedesca del film la voce del protagonista, Arthur, è stata doppiata da Bill Kaulitz, leader di Tokio Hotel.

Locandina del film

Locandina del film

ARTHUR E IL POPOLO DEI MINIMEI – TRAILER

Voci correlate

Il videogioco di Arthur e il popolo dei Minimei
Il videogioco di “Arthur e il popolo dei Minimei”

Luc Besson

Luc Besson

Collegamenti esterni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 33 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: