Skip to content

Genius

2 agosto 2008

Copertina di Manara per il primo numero di Genius

Copertina di Manara per il primo numero di Genius

SCHEDA

Dal 1962 e per almeno una decade – dopo che le sorelle Angela e Luciana Giussani ispirate da Fantômas (ideato nel 1911 dai giornalisti Pierre Souvestre e Marcel Allain) creano il loro Diabolik – escono in edicola almeno un’altra cinquantina di giustizieri mascherati raccontati tra il “feuilleton” (genere di romanzo popolare francese, drammatico e a puntate) e il sexy leggero.

 Locandina pubblicitaria per il lancio di Genius

Locandina pubblicitaria per il lancio di Genius

Gli anni Sessanta, quelli di James Bond e di Shaft, generano quintali di agenti segreti, privati e speciali, coi loro studi il-legali e le loro licenze di uccidere e di amare. Nel settembre del 1969, Furio Viano – editore e soggettista di grande intuito – decide di lanciare sul mercato ben tre testate in formato pocket, Helga, Vartán e Genius (in seguito edita anche Jolanka disegnato da Pietro Gamba nel 1971 e Misterlady dello StudiOriga nel 1975). Mentre per Helga e Vartán si affida per la parte grafica a Enzo Magni (Ingam) e Sandro Angiolini, per Genius decide di dar fiducia a un disegnatore veneto, studente, capellone, ecologista, contestatore e obiettore di coscienza: Milo Manara.

 Copertina di Manara per Genius n. 2

Copertina di Manara per Genius n. 2

Antefatto. Dal 1966 al 1970, Viano pubblica 82 numeri del fotoromanzo Genius (creato da Viano stesso ma scritto in gran parte da Luigi Naviglio). Gli attori protagonisti sono Philip Kay (Genius), Ursula Jeanis (Mirna), Rock Scandurra (Sedak), con la regia di Anthony De Vasco e la fotografia di Frank Mabuse. Dl 1969 al 1971 esce invece la versione disegnata, 28 numeri, i primi dodici in formato pocket, gli altri gigante.

TRAMA

Così la presentazione del personaggio sul primo numero: “Genius è l’alternativa umana del delitto come mezzo d’esecuzione capitale. È lo spietato genio della morte, l’ombra che sguscia nera e ineffabile, che s’insinua nelle roccaforti munite per portare una morte sempre allucinante, sempre diversa, che terrorizza, che fa vivere ore d’incubo, che scaglia nell’animo delle vittime una maledizione eterna, dannandosi e dannando”. Lon Flag, un agente investigativo del FBI – quando non riesce a raggiungere la giustizia come rappresentante della legge – prende le sembianze di Genius, un giustiziere mascherato in calzamaglia nera, spietato e talvolta sanguinario, che in ricordo del padre impiccato indossa il cappio con cui era stato giustiziato innocentemente dalla legge degli uomini. Sue complici e assistenti – con le quali comunica tramite il ricetrasmettitore echolar – Mirna e Love.

 Genius con le sue donne, Mirna e Love

Genius con le sue donne, Mirna e Love

La prima, bionda, vestita con una tuta nera con una enorme M bianca, la seconda, bruna, inizialmente con mantello, maschera e cinturone, in seguito agente collega e fidanzatina di Lon. Fra gli altri protagonisti, l’ispettore Sedak, diretto superiore di Flag con cui è spesso in conflitto professionale, il vecchio scienziato e medico Ganger e l’inquietante Lady Fatal, uno dei tanti nemici del vendicatore. Ecco le trame di alcuni numeri.

Genius n. 4: “L’Isola dei Mostri” Una bella ragazza viene misteriosamente assalita e gravemente lacerata nel corpo. Prima di morire rivela all’agente del FBI Lon Flag di essere stata aggredita da un rinoceronte con le ali. L’agente ne informa l’ispettore Sedak, suo diretto superiore. Un aereo cade in seguito all’assalto di una vespa gigante. Quando viene attaccato da due enormi vespe, Flag, trasformatosi in Genius, decide su indicazioni della sua amica Mirna di penetrare nella tana dei misteriosi insetti dominati dalla infernale Jesax, assistente dello scienziato Wendir da cui ha prelevato i mostruosi volatili nati in seguito ad uno esperimento. Genius e le sue amiche Love e Mirna riusciranno a uccidere Jesax e il malefico Wendir e a distruggere la loro isola popolata da insetti giganteschi destinati a conquistare il mondo.

Genius n. 8: “Molare al Cianuro” Lon Flag, alias Genius, segue una pista che – dopo diversi colpi di scena e parecchi morti ammazzati – lo porterà ad una rete di spionaggio che si vuole impossessare di microfilms che contengono i progetti atomici per nuovi motori aerei.

 Copertina di Manara per Genius n. 14

Copertina di Manara per Genius n. 14

Genius n. 14: “A Forma di Cuore” Il tenente Lon Flag, in compagnia di Mirna, viene mandato a Bagdad a indagare sulla misteriosa scomparsa di Marlen Hentracht, la quale nasconde, sotto a una voglia a forma di cuore, un microfilm che contiene una importante scoperta a cui molte nazioni sono interessate. Agenti russi, sparatorie, inseguimenti e molti morti nell’araba Bagdad dove appare anche Lady Fatal, storica e acerrima nemica di Genius.

Genius n. 16: “A.A.A. Corpo Perfetto Cercasi” Londra. In un night club, si esibisce Venus, la Vergine Bionda (alias Mirna, assistente di Genius). Mentre Lon Flag è presente allo spettacolo, sulle tracce del malvivente Jack Horse, Mirna viene rapita dalla setta dei Karakol di Istambul, dove Genius affronterà la perfida setta. Scoprirà così una clinica specializzata in trapianti, dove giovani ragazze vengono tenute prigioniere in attesa di usare parti del loro corpo per abbellire quelli di donne ormai sfiorite.

Genius n. 21: “Un Bacio, poi la Morte” La domestica Jane Corford è accusata di avere avvelenato i coniugi Benson, ricchi commercianti di diamanti e smeraldi. La attende la sedia elettrica. Lon Flag, indagando per cercare gli introvabili preziosi, si imbatte in una banda di gangsters capitanati dalla seducente Wanny la pantera, che lavora per Katrin, figlia dei Benson. Servizi segreti nigeriani, donnine sexy e delinquenti incalliti, porteranno Genius alla scoperta del vero colpevole.

 Copertina di Primo Marcarini per Genius n. 24

Copertina di Primo Marcarini per Genius n. 24

Genius n. 24: “Selvaggio Calore” Bangkok, Thailandia. Bellissime fanciulle, guardiane dei templi reali e degli idoli sacri, vengono misteriosamente rapite. L’investigatore del FBI Lon Flag e le sue amichette mascherate Mirna e Love vengono assoldati dal primo ministro del re per sventarne il complotto. Rettili mortali e velenosissimi, uomini incappucciati e senza scrupoli, giungle intricate di vegetazione, sono gli ingredienti di questo caso dove Genius, il vendicatore, alla fine porterà morte ma anche giustizia.

L'Ispettore Sedak e Lon Flag alias Genius

L'Ispettore Sedak e Lon Flag alias Genius

AUTORI

Testi di Furio Viano e Mario Gomboli, disegni principalmente di Milo Manara. Afferma L’artista: “Scoprii il fumetto d’arte nella biblioteca dello scultore Berrocal, quando all’inizio lavoravo per lui nella sua villa del ‘600 vicino a Verona. Vidi Forest, Pratt, Crepax, Eisner, Peellaert (quello di Jodelle). E imparai. Così, con una cartelletta di disegni sotto il braccio, andai in giro per editori, a Milano. Genius, il mio primo fumetto, rappresenta la gratitudine verso un editore, Furio Viano, che mi ha permesso di iniziare a lavorare nel settore e, al quale, diedi ad intendere di avere una esperienza professionale”. Manara, amico di carta di Alfredo Castelli e Mario Gomboli (ai tempi gli sceneggiarono il fascicolo sulla strategia della tensione “Un Fascio di Bombe”) viene condotto da Viano proprio da Gomboli che scrive poi per Milo vari numeri del vendicatore in tuta nera e col cappio al collo. Quando Manara – sostenuto e convinto da Gomboli – accetta la sfida di Genius, non si limita a usare il materiale fotografico della serie precedente di questo eroe nero (che faceva il paio con Killing), ma intuitivamente decide di approfondire la conoscenza delle opere dell’architetto Guido Crepax.

Una tavola di Manara con un montaggio 'spezzato' alla Crepax

Una tavola di Manara con un montaggio 'spezzato' alla Crepax

Manara, con la fotografia, ha sempre avuto dei buoni rapporti, come Warhol e altri artisti la manipola e la copia con confidenza, la pasticcia, la rende in sintesi, la rovescia, la strapazza, la riduce in poltiglia fino a farla sua. I suoi ritratti di Pratt in Giuseppe Bergman i suoi Fellini, Pasolini, Lennon, Dean e soprattutto Delon, sono copiosamente sparsi nelle sue migliaia di tavole.

Un quadro di Genius tipicamente pop

Un quadro di Genius tipicamente pop

Così in Genius ha potuto realizzare in modo realistico le sembianze di Philip Kay, attore di fotoromanzi (anche per la Lancio) protagonista dei pocket fotografici che hanno preceduto quelli disegnati da Milo. Il ritratto di Lon Flag-Genius fatto a china dall’autore veronese è preciso e con tutti i colori del retino fotografico in bianco e nero. Lo stesso va detto per i comprimari Mirna (Ursula Jeanis) e Sedak (Rock Scandurra). Anzi, l’incontenibile esploratore Manara si diverte a ritrarre anche una moltitudine di attori “veri”, da Rod Steiger a Klaus Kinski fino al comico esilarante nervosissimo Louis De Funès. E, dulcis in fundo, sul primo numero ritroviamo anche uno dei suoi cantautori preferiti, Fred Buscaglione, in un cameo nei panni del contrabbandiere di uranio Karl Bloom. Le sceneggiature di Genius sono in grand parte di Mario Gomboli, nato a Brescia nel 1947, architetto. Collabora a Diabolik dal 1967. Nel 1972, con tre amici fonda lo studio Arcoquattro. Docente universitario alla facoltà di Architettura in Algeria (1982-1983), insegnante dell’Istituto Europeo del Design di Milano, ed è autore di centinaia di libri per bambini. Dopo aver scritto tanti soggetti per DK, dal 1999 sostituisce Luciana Giussani alla direzione della casa editrice Astorina.

FONTI

Fumetti d’Italia (Europa, 1992/2002) – Enciclopedia del Fumetto di Graziano Origa (Edizioni Ottaviano, 1977) – I Grandi Eroi del Fumetto di Franco Fossati (Gremese, 1990) – Guida al Fumetto Italiano di Gianni Bono (Epierre, 1993/2002) – Catalogo del Fumetto Italiano di Luigi Bona (Libreria dell’Immagine, 1993) – Fumetto – iF – Ink – Little Nemo – Editoriale Mercury – Tesauro Editore – Libreria Milone – Ferriani Editore – Fumetteria –

Una vignetta conclusiva con Mirna e il suo uomo Lon Flag alias Genius

Una vignetta conclusiva con Mirna e il suo uomo Lon Flag alias Genius

11 commenti leave one →
  1. 24 maggio 2009 1:43 PM

    si!
    Nico

  2. 25 maggio 2009 6:10 PM

    Genius is a comic book, and picture story of the 60 Italian designed by a young Milo Manara is one of the first works of those times.
    Nico

  3. 6 giugno 2009 11:07 AM

    try to see s-bay, you know is a comics came out in 60/70 it is only a few collectors can get,
    hello

  4. 12 giugno 2009 5:13 AM

    Are not very safe, probably know more than me (being fan of comics, not to say saoere all …), so that only the cover of No 24 is a italian artist: Primo Marcarini.
    bye

Trackbacks

  1. Genius 10 « Blog Archive « COMICSANDO image
  2. Genius 9 « Blog Archive « COMICSANDO image
  3. Genius 6 « Blog Archive « COMICSANDO image
  4. Genius 5 « Blog Archive « COMICSANDO image
  5. Genius 4 « Blog Archive « COMICSANDO image
  6. Genius 1 « Blog Archive « COMICSANDO image
  7. Fumettisti: Milo Manara « COMICSANDO image

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: