Skip to content

Cattivik

9 luglio 2008


  • Creato da
  • Disegni
  • Editori
  • Apparizione
  • 1965
  • Stato attuale
  • non attivo
  • Alpe / Editoriale Corno / Acme (casa editrice) / Macchia Nera / Glenat Italia

Cattivik è un personaggio dei fumetti creato da Bonvi.
È una delle tante creazioni del fumettista, tuttavia è stata portata al successo dal suo allievo Silver.
Il personaggio è un grottesco e sfortunato ladro in calzamaglia nera.

Vede la luce nel 1965 su un giornale studentesco modenese come parodia dei ben più scaltri e cinici ladri e criminali Diabolik e Satanik; è riproposto il 19 luglio 1970, in veste di personaggio completo, sulle pagine di Tiramolla.
Presto la realizzazione delle avventure viene affidata, come accennato, a Silver, il quale le pubblica su numerose riviste dell’epoca (come il Corriere dei ragazzi) per poi infine, nel 1989, inaugurare una serie autonoma che ha per titolo il suo nome.
Nella sua ultima incarnazione, quella che appunto lo vede protagonista di una testata interamente dedicata a lui, Cattivik è una sorta di maldestro ladruncolo che vive nelle fogne di un’anonima città che in base a determinate battute e passaggi gergali dei protagonisti delle striscie, è facilmente indentificabile con Milano. Si impone come anti-eroe e vittima del sistema.

  • Milano

    Milano

Cattivik è amante del cattivo gusto, irascibile, talvolta ignorante della realtà che lo circonda, è stupido ma impavido, sempre desideroso di compiere i più efferati crimini: che vanno dal furto di un prezioso gioiello allo scippo di una vecchina.

  • https://i2.wp.com/files.splinder.com/007a03ec34a821533ec3450785337f69.jpeg
  • Caratteristiche

Tra le peculiarità del personaggio spicca il singolare modo di parlare, (ricolmo di parolacce, puntualmente censurate), che impone l’esclusione dell’ultima vocale di ogni parola, la tipica risata sghignazzante (a scelta tra Yuk, yuk, yuk e Uaz, uaz, uaz!) che spesso riecheggia tra i sordidi vicoli della città incutendo timore nei passanti (o meglio: nell’omino in bombetta, il Solitomino, tradizionale vittima dei crimini del protagonista e dunque inconsapevole co-protagonista delle avventure) e il modo di spostarsi da un luogo all’altro saltellando, o meglio rimbalzando sfruttando la sua curiosa forma a pera (associata anche ad una castagna o ad una melanzana). Un’altra peculiarità di questo personaggio è l’arma con cui assale il Solitomino, usualmente una sorta di martellone in legno, più raramente un coltello, a volte una pistola semiautomatica.

Da notare, poi, la totale mancanza di igiene del personaggio: abita nelle fogne, ha dei topi come occasionali servitori, pare possedere un unico capo d’abbigliamento (la calzamaglia, mutande e scarpe escluse) che si toglie rarissimamente, nonché le consuete esalazioni corporali interne ed esterne, accompagnate spesso e volentieri da episodi di rigetto. Un’altra caratteristica peculiare di Cattivik è la sua immortalità: per quanto in ogni storia venga malmenato, mutilato, investito, schiacciato, smembrato, tritato e persino sciolto nell’acido, ritorna puntualmente integro nell’arco di un paio di vignette.

  • Comprimari

Gino Solitomino: la caratteristica principale del Solitomino è essere la vittima preferita del “nero Genio del male”. Ad ogni calar delle tenebre, sempre allo stesso angolo della solita via viene costantemente derubato dal criminale in calzamaglia e ridotto sempre a dover rincasare con addosso solo i mutandoni. La caratteristica principale del Solitomino è di essere un impiegato medio che conduce una vita molto monotona; vive in casa con la moglie Gina e con i figlioletti, tutti rigorosamente somiglianti rispettivamente al marito e al padre.

  • I lettori

Le sue esilaranti avventure sono caratterizzate da una sottile satira a tutto e a tutti e da quel tocco di “ingenua volgarità” che fanno di Cattivik un personaggio adatto alla lettura da parte dei bambini in quanto sfortunato, divertente e implicitamente moralistico (dati gli scarsi risultati delle sue malefatte egli è la dimostrazione che “il crimine non paga”) sia degli adulti che vedono messi in ridicolo molti stereotipi della vita modernahttps://i0.wp.com/www.snackmates.org/FM2/Armando/Archivio/cattivik/cattivik.jpg

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: