Skip to content

Mordillo

6 luglio 2008

Guillermo Mordillo, più conosciuto semplicemente come Mordillo (Villa Pueyrredon, 4 agosto 1932), è un autore di fumetti e di cartoon di animazione argentino.

Nato in una famiglia di emigrati dalla Spagna, impegnato anche in attività in campo sociale[1] ha realizzato il suo primo disegno quando aveva dodici anni.

È stato fra i cartoonist maggiormente pubblicati in numerosi paesi del mondo durante gli anni settanta.[2]

Il tratto dei suoi disegni – che appaiono su puzzle, diari e poster[3] – è caratterizzato da colori vivaci e, soprattutto, per lo spiccato senso umoristico che restituisce ai suoi buffi e pacifici personaggi, che non si esprimono a parole ma attraverso la gestualità, in scene sviluppate particolarmente nell’ambito dello sport (specialmente calcio e golf).

Altri suoi personaggi molto conosciuti sono animali dal lungo collo, come ad esempio le giraffe, le cui avventure sono state raccolte in diversi volumi.

https://i1.wp.com/www.uildm.org/dossier/vignette/pics/132.jpg

Biografia http://faitango.files.wordpress.com/2007/08/stelle_cadenti.jpg

Ancora adolescente Mordillo ha dato vita assieme ad Enrique Lipszyc (poi divenuto sceneggiatore di fumetti e ideatore della Escuela panamericana de arte) ad un foglio scolastico.

La sua attività di illustratore di libri per l’infanzia è iniziata all’età di diciotto anni. Contestualmente a quel periodo comincia ad occuparsi anche di cinema lavorando come pubblicitario e vignettista (attività che lo porta anche a lavorare dal 1955 al 1960 a Lima, in Perù).

Risale al 1960, invece, il suo trasferimento a New York. Nella Big Apple Mordillo lavora alla Paramount fornendo la sua opera di disegnatore per alcuni cortometraggi animati di personaggi dei fumetti destinati a diventare famosi,[citazione necessaria] come Popeye (Braccio di Ferro) e Little Lulu.[4]

Ma tre anni dopo, la sua vena artistica intessuta di desiderio di novità lo induce ad un nuovo trasferimento, stavolta a Parigi, per una collaborazione con il quotidiano Paris Match e con la rivista Lui; dalla Francia, mentre realizza cartoni per la tv francese, riesce a collaborare anche con il giornale Der Stern e con la televisione tedesca.

Bibliografia

  • The Damp and Daffy Doings of a Daring Pirate Ship, 1971, Harlin Quist Inc., New York, USA
  • The Collected Cartoons of Mordillo, 1971, Crown Publishers, New York, USA
  • Crazy Cowboy, 1972, Harlin Quist Inc., New York, USA
  • Crazy Crazy, 1974, Insel Verlag, Francfurt/M., Germania
  • Opus I, 1976, Friedrich W.Heye Verlag, Unterhaching, Germania
  • Opus II, 1978 (con prefazione di Marcel Marceau), Friedrich W.Heye Verlag, Unterhaching, Germania
  • Opus III, 1980, Friedrich W.Heye Verlag, Unterhaching, Germania
  • Mordillo Football, 1981 (con prefazione di Pelé), Century Hutchinson, London, Gran Bretagna
  • Mordillo Lovestory, 1985 (con prefazione di Jane Birkin), Editions Glénat, Grenoble, Francia
  • Mordillo Golf, 1987 (con prefazione di Roberto De Vicenzo), Arnoldo Mondadori Editore, Milano, Italia
  • Mordillo Safari, 1990, Wilhelm Heyne Verlag, Monaco di Baviera, Germania
  • Mordillo Amore Amore, 1994 (con prefazione di Giovanni Mariotti), Arnoldo Mondadori Editore, Milano, Italia

Premi

  • 1969 Medaglia d’argento alla V Biennale Internazionale del disegno umoristico di Tolentino
  • 1971 Loisirs Jeunes Award, Parigihttps://i2.wp.com/flagellomane.altervista.org/Immagini/Mordillo10.jpg
  • 1971 Premio Critici in erba, Bologna, per il libro per bambini Pirate ship
  • 1972 Medaglia d’argento al primo Festival internazionale del disegno umoristico di Sarajevo
  • 1973 Phénix de l’Humour, Parigi
  • 1974 Premio Associazione dei disegnatori argentini
  • 1976 Premio El Gaucho, Köln
  • 1976 Premio Nakamori, Tokyo, per il libro per ragazzi Crazy Cowboy
  • 1977 Best Cartoonist of the year al Salone internazionale dell’Humour di Montréal
  • 1977 Palma d’Oro al 31º Salone dell’umorismo di Bordighera
  • 1983 Palma d’Oro al 36º Salone dell’umorismo di Bordighera
  • 1985 Premio Andersen a Sestri Levante
  • 1995 Medaglia d’oro al 18º Salone dell’umorismo di Tolentino

Note

  1. ^ Una vignetta sul sito della Uildm-Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare.
  2. ^ Fonte: Lambiek.net
  3. ^ Intervista a Mordillo.
  4. ^ Fonte: Lfb.it.

Collegamenti esterni

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: