Skip to content

Illuminati

23 giugno 2008

Illuminati
Gli Illuminati disegnati da Jim Cheung
Gli Illuminati disegnati da Jim Cheung
Creato da
Editore Marvel Comics
Apparizione luglio 2005
1ª app. in New Avengers n. 7
Editore it. Panini ComicsMarvel Italia
1ª apparizione it. marzo 2006
Testata 1ª app. it. Thor n. 84
Formazione
Stato attuale sciolto
Nemici
Marvel Comics
Personaggi dei fumetti e dell’animazione (uso del templat

Gli Illuminati sono un gruppo di personaggi dei fumetti, creato da Brian Michael Bendis (testi) e Steve McNiven (disegni), pubblicato dalla Marvel Comics. Sono comparsi la prima volta in New Avengers n. 7 (luglio 2005), sebbene la loro origine e genesi sia stata spiegata soltanto più tardi nel numero speciale New Avengers: Illuminati (maggio 2006).[1]

Il loro ruolo è essenziale sia all’interno delle vicende narrate in Civil War, sia nelle premesse dello stesso crossover. Il loro operato è stato determinante anche in Planet Hulk, perché è loro la decisione di esiliare Hulk nello spazio.

Indice

[nascondi]

Formazione [modifica]

Il gruppo è formato da alcuni dei più celebri e potenti supereroi della Terra: Iron Man alias Tony stark, Namor il Sub Mariner, il Dottor Strange, Freccia Nera, il Professor Xavier e Mister Fantastic il leader dei Fantastici Quattro.

Secondo il loro creatore Brian Michael Bendis ognuno di essi rappresenta un ramo della comunità eroica:[2]

  • Namor, il sovrano di atlantide, rappresenta il gruppo degli antieroi, con i suoi continui contrasti con il mondo di superficie, colpevole con l’inquinamento di avvelenare il suo popolo.
  • Iron Man rappresenta il tipo di eroe che decide di lavorare col governo invece di operare al di fuori di esso.
  • Reed Richards rappresenta gli eroi con poteri basati sulla scienza o che la usano.
  • Charles Xavier, direttore dell’accademia dei giovani dotati, rappresenta gli eroi mutanti.
  • Dottor Strange, lo stregone supremo della terra, rappresenta gli eroi sovrannaturali, come opposizione agli eroi scientifici.
  • Freccia Nera, re degli Inumani, rappresenta il suo popolo degli esseri meta-umani con poteri incredibili.

Storia del gruppo [modifica]

Il gruppo si formò al termine della prima guerra Kree/Skrull: gli eroi, chiamati da Tony Stark, si riunirono nel palazzo reale di Wakanda, dimora di Pantera Nera.

Iron Man disse che questa guerra si sarebbe potuta evitare se gli eroi si fossero scambiati le informazioni, propose quindi di formare un unico, grande team di supereroi che comprendesse anche i mutanti, come in una sorta di enorme corpo di polizia composto da superumani che vigilasse sulla minaccia di portata cosmica.

Tuttavia molti dissero di no perché un gruppo talmente numeroso sarebbe stato ingestibile, inoltre la gente avrebbe trattato gli eroi alla stregua dei mutanti.

Stark allora propose ai presenti di formare un gruppo che avrebbe monitorato la comunità eroica e che si sarebbe riunito per decidere di grandi questioni; le riunioni si sarebbero tenute in gran segreto e tutti, compresi i propri familiari, dovevano essere tenuti all’oscuro sui loro incontri.

Tutti accettarono all’infuori di re T’Challa: temendo le conseguenze di quel che sarebbe accaduto alla prima discordia, dichiara che non avrebbe fatto parte di questo team, e che nessuno di loro aveva il diritto di prendere delle decisioni senza consultare i propri compagni di team, e invita tutti ad abbandonare il suo palazzo.

Per anni gli Illuminati si sono incontrati segretamente per risolvere problemi di scala mondiale: dalle minacce aliene, quali l’Arcano o il profugo kree Marvel Boy II, al mistero legato a Sentry, il più potente supereroe del mondo.

Una delle decisioni più importanti che presero fu quella di conservare le Gemme dell’Infinito: Richards convocò il gruppo perché lo aiutassero a trovare tutte e sei le gemme e, sotto gli occhi dell’Osservatore, decise che ognuno di loro ne avrebbe custodito una, senza rivelare mai a nessuno dove, affinché nessuno possa mai più riunirle e usare il loro illimitato potere per scopi personali.

Il gruppo ebbe la prima spaccatura quando si riunirono per decidere la sorte di Hulk, che aveva da poco distrutto Las Vegas facendo diverse vittime. Alla riunione mancava Charles Xavier, che aveva da poco perso i suoi poteri a causa di Wanda Maximoff, tuttavia il gruppo mise ai voti l’idea di esiliarlo dal pianeta: il solo voto contrario fu quello di Namor e, come saggiamente pronosticato anni prima dalla Pantera Nera, la discussione sfociò in una violenta rissa tra lui e Iron Man, stanco delle sue continue minacce e della sua arroganza; solo l’intervento del Dottor Strange ne decretò la fine. Namor decise allora di abbandonali, avvertendoli però che un giorno Banner sarebbe tornato, e li avrebbe uccisi tutti.

Con uno astuto stratagemma, i quattro superstiti del gruppo (Stark, Richards, Strange e Freccia Nera) riuscirono a far salire Banner su una navetta spaziale, e lo spedirono su un pianeta disabitato, dove non avrebbe potuto nuocere a nessuno. Hulk finì però in un buco nero, che lo portò sul pianeta Sakaar, dove divenne un gladiatore, come narrato in Planet Hulk.

Infine il gruppo si sciolse definitivamente poco prima di Civil War quando Stark, ex ministro della difesa, convocò il gruppo (Namor compreso) per discutere dell’atto di registrazione che il governo era intenzionato ad emettere da lì a poco, e propose di appoggiare tale ordinanza, pronosticando l’avvenire di una tragedia (come quella di Stamford) che lo avrebbe reso inevitabile: solo Richards condivise la sua idea, mentre Strange, Namor e Freccia nera erano contrari a tale decisione.

Così, dopo aver sciolto definitivamente il gruppo, ognuno di loro prese la sua strada, schierandosi dalla propria parte durante la guerra civile; tuttavia gli Illuminati stanno per pagare le conseguenze delle proprie decisioni: come previsto da Sub Mariner tempo prima, dallo spazio profondo sta tornando Hulk, bramoso di vendetta contro di loro: la sua prima tappa è sulla Luna, ad Attilan, la patria di Freccia Nera.

World War Hulk [modifica]

Per approfondire, vedi la voce World War Hulk.

Durante World War Hulk, come pronosticato tempo prima da Namor, Hulk fa il suo ritorno sulla Terra bramoso di vendetta nei confronti degli Illuminati. Oltre ad averlo esiliato nello spazio, Hulk attribuisce loro anche la distruzione di Sakaar, di cui nel frattempo era divenuto re, con al fianco come regina Caiera, incinta del loro figlio. La sua prima tappa è sulla Luna, ad Attilan, la patria di Freccia Nera, che sconfigge brutalmente. Successivamente sbarca a New York, dove batte anche Iron Man e Mister Fantastic. Solo il Dottor Strange riesce a sfuggirgli. I tre Illuminati sconfitti e catturati vengono schiavizzati da Hulk e costretti a battersi in scontri tra gladiatori come era capitato a lui su Sakaar. Verrano liberati in seguito da Sentry.

Note [modifica]

  1. ^ Prima ed. it. Thor n. 94, Panini Comics, gennaio 2007.
  2. ^ (EN) Illuminating the Illuminati with Brian Bendis. Newsarama, 07-11-2005. URL consultato il 02-05-2008.
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: