Skip to content

Joker

2 giugno 2008

  • « Ho dato un nome al mio dolore, e quel nome è Batman »
  • Joker
    • Jack (cognome sconosciuto) Adotta Joseph Kerr in Tornare in sé (LotDK nn. 65-68). Nel film Batman si chiama Jack Napier.
  • Creato da
  • Editore
  • Apparizione
  • 1ª app. in
  • 1ª apparizione it.
  • Testata 1ª app. it.
  • Collezione Uomo Mascherato n.58 con Il marchio del Joker tratto da una daily strip
  • Occhi
  • Verdi
  • Capelli
  • Verdi
  • Stato attuale
  • Attivo
  • Abilità
    • Nessun superpotere Usa il cosiddetto gas-Joker, per uccidere le sue vittime e lasciare sul loro volto una smorfia che ricorda il suo inquietante sorriso
  • Alleati
  • Parenti
    • Una moglie della quale non è mai stato svelato il nome,deceduta un figlio mai nominato, deceduto
  • DC Comics
    • Le origini
    • Le sue origini, rinarrate ed approfondite negli anni ottanta da Moore e Bolland in Batman: The Killing Joke sono molto semplici: una coppia di loschi individui circuiscono un giovane povero e con disperato bisogno di soldi, comico fallito e con una moglie a carico. Sono gli stessi che hanno ideato il fantomatico criminale dal nome Cappuccetto Rosso, dal casco rosso che fanno indossare al malcapitato di turno.
    • Il loro ultimo colpo sarà in una fabbrica di sostanze chimiche, poco fuori Gotham, che verrà sventata dal duplice intervento delle guardie della sicurezza e di Batman. Proprio a causa dell’intervento di quest’ultimo, il giovane, spaventato, cade in un calderone di sostanze chimiche, per poi uscire dagli scarichi con il volto pallido ed i capelli verdi, simboli della morte e, da allora, del Joker.
    • The Killing Joke

      Batman: The Killing Joke

    • Le grandi imprese
    • Il Joker, come detto, è uno dei personaggi più letali del cosmo DC e descriverlo in maniera coerente con la sua follia è sempre difficile, perfino per la direzione dell’ Arkham Asylum.
    • Esempio ne è il Joker di Dennis O’Neil, famoso insieme a Neal Adams per aver proposto, negli anni sessanta, uno dei migliori e più oscuri Batman della decennale storia del personaggio, in contrapposizione al Batman televisivo interpretato da Adam West.
    • Il suo Joker, in effetti, per quanto folle, non aveva il fascino ed il carisma necessari per spiccare rispetto ad altri personaggi dell’abile sceneggiatore, come, ad esempio, Ra’s Al Ghul.
    • Ras Al Ghul.

      Ra's Al Ghul.

    • O’Neil, tra l’altro, realizzò le sceneggiature del serial The Joker (primo numero nel 1975), disegnato da Irv Novick, che risultò, in effetti, debole e poco drammatico rispetto a quanto ci si potesse aspettare da un personaggio letale come il Joker.
    • Infatti il personaggio delle origini, splendidamente descritto da Kane, era un folle pronto a tutto pur di sopraffare il suo acerrimo nemico Batman: realizzava piani complicati, spesso con l’ausilio di armi gigantesche o di costruzioni grottesche. Il personaggio, così, oscillava tra un’aria di drammaticità ed un umorismo da striscia quotidiana, che però non intaccò la sua popolarità ed il suo successo come personaggio. Anzi: questo periodo fu, probabilmente, di profonda influenza sul cartoonist Dick Sprang, che, con un tratto alla Chester Gould, realizzò alcune delle storie più incredibili sul dinamico duo.
    •  Quadro di Dick Sprang

      Quadro di Dick Sprang

    • Follia pura
    • La coppia di cartoonist che, però, realizzò il miglior Joker in assoluto è Steve EnglehartMarshall Rogers. Sul finire degli anni settanta, Julius Schwartz, dinamico supervisore delle testate DC Comics, per la testata Detective Comics, assoldò uno sceneggiatore proveniente dalla Marvel, Englehart, con l’intento di rinnovare le atmosfere che circondavano Batman.
    • Dopo un paio di storie realizzate da Walt Simonson, Schwartz, ignorando i dubbi di Englehart, propose ai lettori un giovane esordiente come era Rogers.
    • La scommessa di Schwartz, alla fine, risultò vincente, non solo dal punto di vista grafico, con Rogers che realizzò alcune delle più belle tavole mai apparse, ma anche dal punto di vista dei contenuti. La coppia, infatti, riuscì a realizzare una serie di storie interessanti ed avvincenti nelle quali Bruce Wayne veniva riportato ad una dimensione più umana e, contemporaneamente, Batman non tradiva le sue atmosfere più genuinamente oscure. In tutto questo il personaggio che, dopo Hugo Strange, spicca maggiormente è proprio il Joker.
    • Folle come non mai, il Clown del crimine viene rappresentato come un brillante conversatore che utilizza, senza scrupoli e con abile ingegno, il suo particolare gas in grado di uccidere le persone, lasciando il loro volto deturpato con il suo ghigno inquietante. Lo spunto per la sua apparizione nasce dalle possibilità che la legge sul copyright consente ai cittadini: il Joker, infatti, avvelena tutti i pesci della baia di Gotham per poterne pretendere i diritti d’immagine e quindi una percentuale sugli incassi. Se ciò non gli verrà corrisposto – questa la minaccia – inizierà ad uccidere le persone di Gotham, iniziando dall’impiegato dell’ufficio brevetti.
    • Morti eccellenti
    • Queste folli imprese non sono le uniche nella vita del Joker, che nel suo curriculum vanta alcune morti eccellenti. La prima è quella del secondo Robin, Jason Todd, durante gli eventi di Una morte in famiglia.
    • Una morte in famiglia.

      Una morte in famiglia.

    • Mentre Jason era stato attirato lontano dall’ala protettrice di Batman con l’illusione di riuscire a trovare i suoi genitori (era orfano) il Joker preparava la sua terribile morte in una esplosione che non gli ha lasciato alcuna possibilità di salvezza.
    • Quindi, quando ormai Gotham stava uscendo dalla Terra di nessuno, il Joker decise di uccidere Sarah Essen, moglie del commissario di Gotham, senza un vero motivo, se non rinnovare la sofferenza di Jim Gordon dopo che, sempre in Killing Joke, aveva quasi ucciso la figlia Barbara, rimasta, da allora, su una sedia a rotelle. Successivamente, dopo aver rubato i poteri di Mister Mxyzptlk, uccise e fece risorgere diverse volte sia Lois Lane sia Batman durante la saga Joker Imperator.
    • Sarah Essen,

      Sarah Essen,

    • Altri particolari sul passato del Joker, però, ci vennero forniti dallo psicologo dei supereroi J.M. DeMatteisJoe Staton e Steve Mitchell, realizza Tornare in sé, splendida leggenda pubblicata in Italiafebbraio del 1999 sul n. 25 della rivista della Play Press.
    • DeMatteis mise il Joker e Batman di fronte a sé stessi e ad una situazione difficile, lontani dalle loro ambientazioni tipiche.
    • Per il Joker, poi, creò una nuova identità, Joseph Kerr, nella quale, a volte, si rifugia nel tentativo di trovare un briciolo di sanità cui aggrapparsi (come lo stesso DeMatteis ha mostrato nella prima apparizione, sulle pagine della JLA, di Hal Jordan come Spettro).
    • Tra le sue ultime imprese si contano anche una spettacolare evasione dal carcere di massima sicurezza Slub in L’ultima risata, saga durante la quale il Joker credeva di essere prossimo alla morte a causa di una diagnosi di tumore al cervello inoperabile, e la presunta uccisione di Thomas Elliot, amico d’infanzia di Bruce Wayne. In questa occasione Selina Kyle, nei panni di Catwoman, ferita ad una spalla da Harley Quinn, impedisce a Batman di uccidere il Joker.
    • Selina Kyle

      Selina Kyle

    • I classici
    • Anche per un personaggio come il Joker esistono delle storie che possono essere considerate dei classici nella sua carriera, anche se sono semplicemente delle storie fuori continuity.
    • Già detto di Killing Joke, restano da citare due piccoli capolavori della narrativa sequenziale: Il ritorno del Cavaliere Oscuro ed Arkham Asylum.
    • Nel capolavoro di Frank Miller il Joker viene dapprima rappresentato come un folle ex-criminale, ormai senza alcuno stimolo, che ritorna in grande stile compiendo una strage: uccide gli spettatori accorsi allo studio televisivo dal quale viene trasmessa una trasmissione alla quale partecipa lo stesso Joker. Inizia, così, un lungo inseguimento con Batman, che porterà alla morte del criminale per mano dell’eroe.
    • In Arkham Asylum, invece, Grant Morrison e Dave McKeane, gli autori della graphic novel, presentano un Joker nervoso ed asciutto, la cui follia, intatta come sempre, viene anche accompagnata da latenti comportamenti omosessuali, successivamente accantonati anche dallo stesso Morrison allorquando lo ripropose nel corso della sua versione della Justice League. Il punto di riferimento di Morrison, comunque, sembra proprio il Joker di Englehart-Rogers, con la sua follia che viene indirizzata verso una inutile violenza.
    • Arkham Asylum, The Joker

      Arkham Asylum, The Joker

    • Altri media
    • Oltre alle apparizioni nei serial televisivi, si conta anche un’apparizione nel primo film cinematograficoBatman di Tim Burton.
    • Interpretato da Jack Nicholson (che succede al Joker televisivo, Cesar Romero), viene ancora una volta descritto come un folle criminale. Prima della trasformazione, egli è Jack Napier, un gangster avviato e noto nella Mafia di Gotham City, al servizio del boss Carl Grissom.
    • Joker, jack Nicholson

      Joker, jack Nicholson

    • È da notare che quando è ancora tale, il personaggio ha già una psiche contorta, intelligente, con violenti cambiamenti d’ umore. Tutti questi tratti verranno potenziati dal bagno nella vasca di acido.
    • A questa versione, anche graficamente, si ispirarono Paul Dini ed Alex Ross in Oggetto di studio, storia di otto tavole in bianco e nero realizzata all’interno del progetto Batman Black&White (pubblicazione italiana nell’ottobre 2003, a cura della Play Press).
    • Lo stesso Dini, poi, produttore ed ideatore della serie animata, propose nel corso della stessa un Joker ispirato alle atmosfere dei gangster degli anni cinquanta care al Dick Tracy di Chester Gould, e gli affiancò Harley Quinn, l’ex-psicologa di Arkham innamoratasi perdutamente del Joker.
    • La fidanzata del Joker, dopo l’esordio nei cartoon (lo stesso Dini, insieme a Bruce Timm, realizzò una versione a fumetti della serie, Le avventure di Batman, di grande successo tra i lettori), venne successivamente introdotta nella continuityTerra di nessuno.
    • Harley Quinn

      Harley Quinn

    • Ha fatto anche alcune comparse nella serie animata dedicata alla Justice League (arrivata in Italia sul canale Boing del digitale terrestre nel settembre 2005), del quale è stato in varie occasioni avversario, soprattutto nella Lega dell’ingiustizia di Luthor.
    • Nel 2004 è diventato uno dei personaggi principali della nuova serie animata The Batman, che rilegge in chiave moderna tutti i protagonisti, richiamando le atmosfere di Batman Begins.
    • Il design del villain in questa serie è completamente stravolto: il Joker è un criminale psicotico dall’aspetto scimmiesco, dotato di una forza erculea, con capelli verde acceso lunghi ben oltre le spalle, che combatte utilizzando un Kung FuBatman: The Killing Joke, dato che durante la serie rivolge al nemico di sempre la frase: «Sono dei giorni andati male che trasformano un uomo in un mostro… nel mio caso un giorno andato male e una vasca di liquido chimico».
    • Questa frase è simile a quella espressa dallo stesso personaggio nel fumetto di Alan Moore, quando spiegava a Batman che la differenza di comportamento tra lui e le persone normali è un giorno andato storto. Anche in questa serie è accompagnato da Harley Quinn. La ragazza non è più una dottoressa di Arkham ma una psicologa da talk-show.
    • Un ritorno di Joker al cinema è previsto per il 2008 con l’uscita di The Dark Knight, seguito di Batman Begins, di Christopher Nolan; al termine del precedente film, infatti, Gordon mostra a Batman una carta da gioco che reca il simbolo del Joker.
    • La Warner Bros. ha annunciato ufficialmente il 31 luglio 2006 che il ruolo del villain, per il quale a lungo si sono fatti diversi nomi, sarebbe stato interpretato da Heath Ledger. Il regista Christopher Nolan ha dichiarato che il “suo” Joker sarebbe stato molto diverso da quello interpretato da Nicholson quasi venti anni prima e si sarebbe ispirato a Batman: The Killing Joke e alle prime due apparizioni nel fumetto originale.
    • Heath Ledger, The Joker

      Heath Ledger, The Joker

    • Doppiatori italiani
    • Già voce di Nicholson in Professione reporter e Shining, Giancarlo Giannini fu scelto dallo storico direttore Mario Maldesi (autore della versione italiana del film di Kubrick) per doppiare nuovamente l’attore nel film di Burton.
    • Per sostituire Mark Hamill al doppiaggio del Joker nella versione italiana di Batman – The Animated Series il direttore Guido Rutta scelse Riccardo Peroni, attore di teatro e doppiatore con alle spalle un passato da cabarettista.
    • Peroni ha prestato la voce al personaggio anche in Justice League e nel film per l’home-video Batman e Superman – I due supereroi. Nella versione televisiva della storia, trasmessa all’interno de Le avventure di Superman e doppiata alla Time Out di Roma sotto la direzione di Tiziana Lattuca, il Joker aveva la voce di Ambrogio Colombo.
    • Nel film Batman – La maschera del fantasma, tratto dalla serie e doppiato alla SAS di Roma, Peroni fu sostituito da Sergio Di Giulio.
    • Nell’episodio I Miti della serie Static Shock il Joker è doppiato da Mario Brusa.
    • Citazioni e parodie
    • Il Joker di Nicholson è oggetto di una parodia in un episodio della serie The Chipmunks Go to Movies supercriminale col nome Jokester.
    • Una parodia del personaggio è rappresentata dal disneyano Quackerjack, nemico di Darkwing Duck (a sua volta parodia di Batman e The Shadow). Il primo nemico che il supereroe umoristico Rat-Man deve affrontare è un clown malvagio, chiamato il Buffone.
    • Quackerjack

      Quackerjack

    • Voci correlate
    • Clown malvagio
    • Bibliografia e collegamenti esterni
    • Informazioni sul Joker o sugli autori citati possono essere ricavate dai volumi della Play dedicati a Neal Adams, dal volume Strane apparizioni con il ciclo Englehart-Rogers, dal n. 7 di DC Universe (Play Press).
    • Interessanti sono i seguenti documenti, reperibili in internet:
    • The Joker dal sito ufficiale sulle serie animate di Batman.
    No comments yet

    Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

    Connessione a %s...

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: