Skip to content

Dino Battaglia

31 maggio 2008

https://i0.wp.com/www.fumetti.org/notizie/2000/03/DinoBattagliaElecta.jpgDino Battaglia (Venezia, 1 agosto 1923Milano, 4 ottobre 1983) è stato un autore di fumetti italiano.

Veneziano di nascita, la sua carriera di disegnatore inizia nell’immediato dopoguerra (1945) lavorando, assieme a Hugo Pratt e ad altri autori (come Mario Faustinelli e Alberto Ongaro), per la rivista Asso di Picche, realizzando alcune tavole di Junglemen.

Realizza per la Mondadori le tavole di Pecos Bill e successivamente disegna anche per il Vittorioso. Dall’inizio degli anni sessanta è collaboratore del Corriere dei Piccoli e del Corriere dei Ragazzi, lavorando alla riduzione di favole e romanzi cavallereschi.

Nel 1965 disegna I cinque della Selena su testi di Mino Milani, storia di fantascienza utopica di un equipaggio che decide di ripararsi dal male condividendo un nuova vita con gli alieni che non conoscono la menzogna e la cattiveria.

Nel 1967 pubblica sulla rivista Sgt Kirk la riduzione di Moby Dick, opera che segna la sua maturità artistica e che dimostra che Battaglia ha acquisito ormai uno stile proprio, particolare e ben definito.

Da tale momento in poi, Battaglia inizia a tradurre in fumetti varie opere di autori classici, specie dell’Ottocento quali Poe, Lovecraft, Stevenson e Hoffmann pubblicandole sulla rivista Linus; verranno poi raccolti nel volume Totentanz. Sono disegni goticheggianti, che lo faranno qualificare come Maestro delle tenebre. Di particolare pregio risulta il suo segno nelle tavole del volume Battaglia racconta Maupassant (edizioni Milano Libri), che raccolgono varie storie pubblicate su Linus tra il 1968 e 1977 tratte dai racconti dello scrittore francese Guy de Maupassant.https://i2.wp.com/www.hazardedizioni.it/immagini/battagliamostra.jpeg

Lunga e fruttuosa la collaborazione con il Corriere dei Piccoli e il Corriere dei Ragazzi, tra la metà degli anni Sessanta e il 1972.

Negli anni settanta collabora con il Messaggero dei ragazzi e Il Giornalino delle Edizioni Paoline per i quali crea alcuni lavori di carattere religioso e agiografico quali Antonio da Padova e Frate Francesco (1974) ed altre memorabili rivisitazioni a fumetti, questa volta con una vena umoristica e grottesca, quali Till Eulenspiegel (1975), sceneggiato da Piero Zanotto, e nel 1979 Gargantua e Pantagruel, dal celebre romanzo di Rabelais del 1532, sull’adattamento scritto dalla moglie Laura Battaglia. Tutte le storie di Dino Battaglia per Il Giornalino verranno in seguito ripubblicate in edizione hardcover dalle Edizioni Paoline.

Verso la fine degli anni settanta inizia una collaborazione con la casa editrice di Bonelli, per cui realizza L’Uomo della Legione e L’Uomo del New England nell’ambito della celebre serie Un uomo un’avventura.

Battaglia non si è mai dedicato al fumetto seriale, ma verso la fine della sua carriera ha comunque creato un suo eroe di carta: l’ispettore Coke, protagonista di storie ambientate all’inizio del XX secolo; Coke è stato protagonista di due storie (“I delitti della fenice” e “La Mummia”) e di una terza (“Il mostro del Tamigi”) rimasta purtroppo incompiuta.

https://i0.wp.com/2.bp.blogspot.com/_ZQllBzj8uDs/SUWI6rO4ioI/AAAAAAAACrI/NOOV8rik-sM/s400/dino+battaglia41.jpg

Altri progetti

Collegamenti esterni

No comments yet

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: